Garda

Goletta dei Laghi, tre punti su sei analizzati sono inquinati

Peggiora in modo preoccupante la situazione alle foci dei torrenti Marra, Bosca e Rielo


di Daniele Peretti


GARDA VENETO. Secondo il report di Goletta dei Laghi dei sei punti analizzati, tre sono inquinati. I volontari di Legambiente hanno verificato la parte veneta del lago (Garda, Lazise, Castelnuovo del Garda e Peschiera) trovando le foci del torrente Gusa , San Severo e Rio Dugale dei Ronchi con concentrazioni di escherichia coli e enterococchi intestinali nei limiti di legge. Non lo sono invece le foci dei torrenti Marra, Bosca e Rielo che non solo sono risultati fortemente inquinati, ma con dati peggiori rispetto sia al 2023 che al 2022 quando le foci rientravano nei limiti di legge.

I volontari hanno rilevato sia l’assenza di cartelli indicanti il divieto di balneazione che come una delle principali cause di inquinamento sia l’abbandono di rifiuti specialmente mozziconi di sigarette.

Legambiente sottolinea come le proprie analisi non possano portare a nessun tipo divieto, quanto servano piuttosto ad individuare le acque non depurate che ancora si riversano nel lago di Garda che subisce una considerevole pressione antropica causata dall’eccessiva cementificazione che ha portato solamente sulla sponda lombarda 9 mila turisti in estate.













Scuola & Ricerca

In primo piano