Lago di Garda

Caldo record, sul lago di Garda incendio in centrale e blackout

A Garda e a Costermano sul Garda interruzioni a causa delle fiamme scoppiate nella centrale di San Bernardo



LAGO DI GARDA. Sul lago di Garda la situazione legata al caldo in questi giorni è particolarmente dedicata. Se da una parte infatti c’è il delicato tema della crisi idrica che ha portato a limitare la navigazione per il basso livello dell’acqua e ad emettere ordinanze per limitare l’uso di acqua potabile, dall’altra ha portato ad una serie di blackout sulla sponda veneta del lago.

Sono state le stesse amministrazioni comunali di Garda e Costermano sul Garda a spiegare ai cittadini le ragioni di quelle improvvise interruzioni di energia.

Spiega il sindaco di Costermano Stefano Passarini: «I responsabili di Enel hanno comunicato che la totale assenza di energia elettrica in molte abitazioni/attività del comune è dovuta ad un incendio avvenuto oggi (19 giugno) nella centrale di Garda in via San Bernardo, snodo per diversi comuni, tra cui in particolar modo Costermano sul Garda e Garda. Gli addetti stanno operando ‍per ripristinare la situazione. In alcune località la corrente è tornata, nelle altre sarà ripristinata entro le ore 20 circa».

Anche il Comune di Garda ha voluto spiegare il problema ai suoi cittadini: «Come da tante segnalazioni e come i nostri concittadini ben sanno, è da qualche ora che in diverse zone del Comune di Garda è assente l’energia elettrica a causa di un incendio presso la centrale di San Bernardo.

Enel ha comunicato che gli addetti stanno lavorando per ripristinare l’energia. Ci scusiamo per il disagio, entro sera la situazione dovrebbe rientrare».

Anche dai Comuni di San Zeno di Montagna, Brenzone, Torri e Albisano sono arrivate segnalazioni di blackout.

Tra i disagi segnalati, quelli dei negozianti che hanno visto all’improvviso spegnersi i condizionatori e anche le luci all’interno dei loro esercizi commerciali, oltre all’allarme della scuola di Garda che ha suonato per diversi minuti prima che un addetto intervenisse per spegnerlo.

 

 

















Cronaca







Dillo al Trentino