Usa, cerca d'irrompere negli uffici dell'Fbi: inseguito e ucciso

A Cincinnati, dopo blitz a casa Trump. Legami con il 6 gennaio

NEW YORK


(ANSA) - NEW YORK, 11 AGO - L'uomo che ha cercato di irrompere nella sede dell'Fbi a Cincinnati, in Ohio, è stato ucciso. Dopo ore di inseguimento e trattative affinché si consegnasse in pace alle autorità, Ricky Shiffer è stato freddato dalle forze dell'ordine. La sua tentata irruzione segue il blitz degli agenti federali a casa di Donald Trump, che ha sollevato fra i repubblicani e la destra una valanga di critiche contro l'Fbi. Secondo indiscrezioni, Shiffer sarebbe proprio un sostenitore dell'ex presidente americano con legami con gruppi estremisti, fra i quali uno di quelli che ha partecipato all'assalto al Congresso del 6 gennaio. L'uomo infatti sarebbe stato ripreso in un video postato su Facebook a un comizio pro-Trump a Washington la sera prima dell'assalto al Campidoglio. L'allarme è scattato intorno alle nove del mattino, quando Shiffer con una pistola e un fucile, probabilmente un Ar-15, ha cercato di entrare negli uffici dell'Fbi. Gli agenti speciali sono intervenuti subito. Alcuni colpi d'arma da fuoco sono volati poi Shiffer è scappato, aprendo una caccia all'uomo durate ora. L'uomo ha cercato rifugio nelle aree rurali fuori città, ma l'imponente dispiegamento di polizia è riuscito a fermarlo. Sono quindi iniziate ore di trattative per cercare di convincerlo a consegnarsi, ma senza risultato. Alla fine, Shiller è stato ucciso. I motivi del suo gesto non sono noti e la polizia indaga al riguardo. Il timore è che si tratti di un'azione legata al blitz dell'Fbi a casa di Trump e alla rabbia che ne è scaturita negli ambienti di destra, da dove si è sollevata una chiamata all'azione. (ANSA).

















Cronaca







Dillo al Trentino