Turetta andava da psicologo, parlava di Giulia e problemi studio

Saltò il 17 novembre, era in fuga dopo femminicidio ex fidanzata

VENEZIA


(ANSA) - VENEZIA, 07 DIC - Filippo Turetta aveva visto per alcune volte uno psicologo dell'Usl per discutere dei suoi problemi, tra settembre e novembre. Aveva chiamato lui stesso il Cup dell'Usl 6 di Padova per prenotare le visite. Lo confermano fonti qualificate, sulla base delle relazioni sugli accessi fatti alle strutture dal ragazzo. Nei colloqui con il terapeuta, secondo quanto si apprende, Filippo avrebbe parlato in particolare dei problemi nel suo rapporto con Giulia, e delle difficoltà negli studi all'Università. Il primo appuntamento era stato il 22 settembre, poi ve n'erano stati altri quattro, fino al 3 novembre. L'ultimo era in programma il 17 novembre, quando il 22eenne era già latitante, dopo il delitto dell'ex fidanzata. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs