bunga bunga

Ruby ter, Berlusconi assolto al processo di Siena

Testimoni pagati alle cene di Arcore, per i giudici “il fatto non sussiste”. Restano aperti i processi a Milano e Roma

SIENA. Silvio Berlusconi e il pianista di Arcore Danilo Mariani assolti “perché il fatto non sussiste” al processo Ruby ter a Siena dove erano imputati per corruzione in atti giudiziari. Questa la sentenza del tribunale questa sera (21 ottobre) dopo circa un'ora di camera di consiglio. 

La difesa del cavaliere: “Un grandissimo risultato”. Esulta Forza Italia.

Con la sentenza del Tribunale di Siena che lo ha assolto si è chiuso per  Berlusconi il primo dei tre processi sul caso Ruby ter, ossia su quei presunti versamenti a ragazze ospiti delle serate del "bunga-bunga" di Arcore e ad altri testimoni, come il pianista di Villa San Martino Danilo Mariani, anche lui assolto dall'accusa di corruzione in atti giudiziari e condannato nei mesi scorsi solo per falsa testimonianza.

Testi pagati - questa l'ipotesi d'accusa cancellata per ora a Siena - per portare la versione delle "cene eleganti" nei processi sul caso Ruby. Per l'ex premier, però, sono ancora in corso i dibattimenti di altri due filoni, quello principale a Milano e un altro a Roma. Altri guai giudiziari pendenti per il Cavaliere sono il processo a Bari per la vicenda 'escort-Tarantini' e l'inchiesta a Firenze per le stragi di mafia.