Rasoulof, spero che l'oppressione della dittatura finisca

Oltre 15 minuti di applausi per il film in concorso a Cannes

CANNES


(ANSA) - CANNES, 24 MAG - "Ringrazio tutte le persone che hanno permesso di realizzare questo film. Spero con tutto il mio cuore che l'apparato oppressivo della dittatura finisca". Lo ha detto il regista iraniano Mohammed Rasoulof poco fa al Grand Theatre Lumiere al termine della premiere mondiale in concorso a Cannes de Il seme del fico sacro. Ci sono stati oltre 15 minuti di applausi, un record, spesso interrotti dal grido 'Donna Vita Libertà'. Il cineasta ha trattenuto l'emozione per tutto il tempo, mentre gli attori si commuovevano alle lacrime, ed è uscito dalla sala ancora tra gli applausi. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano