Pnrr: Calenda, da Corte dei Conti controllo ridondante

Il provvedimento del governo aiuta a spendere meglio i fondi

ROMA


(ANSA) - ROMA, 04 GIU - "Oggi parliamo della Corte dei Conti. L'avrei fatto io quel provvedimento. Era un controllo assurdo e ridondante. Non è che se tu limiti il Controllo della Corte dei Conti, è una roba per cui c'è il fascismo. Diventa una roba per cui un minimo si riescono a spendere i fondi del Pnrr, che questo governo non riesce a spendere". Lo ha dichiarato il leader di Azione Carlo Calenda, ospite della trasmissione Mezz'Ora in Più su Rai 3. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano