Pifferi in carcere al suo legale, 'non sono un'assassina'

Colloquio su esito perizia psichiatrica: "sempre stata sincera"

MILANO


(ANSA) - MILANO, 26 FEB - "Non sono un'assassina e non ho mai voluto fare del male a mia figlia. Sono sempre stata sincera. Voglio che esca la verità". Lo ha detto oggi Alessia Pifferi, che nel luglio 2022 ha lasciato morire di stenti la figlia Diana di meno di un anno e mezzo, abbandonandola in casa per sei giorni, durante il colloquio con il suo difensore Alessia Pontenani. Il legale, questa mattina, dopo il deposito della perizia disposta dai giudici con cui si è stabilito che la 38enne, imputata per omicidio aggravato, era capace di intendere e volere, si è recato a San Vittore per parlare con la donna. La quale, è stato riferito, ha pianto a dirotto. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano