Nordio, detenuti stranieri scontino pena nei loro Paesi

Ministro della Giustizia, 'escludo indulto perché è resa Stato'

TAORMINA


(ANSA) - TAORMINA, 22 GIU - "Il sovraffollamento delle carceri è il risultato di una sedimentazione pluridecennale. Infatti non è di soluzione immediata". A dirlo Carlo Nordio, ministro della Giustizia, partecipando da remoto alla manifestazione Taobuk di Taormina. "Escludo l'indulto - ha detto Nordio - che è una resa dello Stato, piuttosto penso a pene alternative, forme di espiazione della pena in comunità poiché i tossicodipendenti sono degli ammalati più che dei criminali. Inoltre visto che gli stranieri rappresentano la metà dei detenuti sarebbe opportuno far scontare la pena nei loro Paesi di origine, già avremmo risolto gran parte di questo problema". (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano