Isis rivendica l'attacco contro i turisti in Afghanistan

Sei le vittime, tra cui tre spagnoli

BEIRUT


(ANSA) - BEIRUT, 19 MAG - Il gruppo dello Stato Islamico ha rivendicato l'attacco contro un gruppo di turisti, tra cui tre spagnoli, uccisi a colpi di pistola nella località di Bamiyan, in Afghanistan. Lo riferisce una nota dello stesso gruppo. In una dichiarazione pubblicata sui suoi canali Telegram, il gruppo jihadista ha affermato che "i combattenti hanno sparato con le mitragliatrici contro i turisti cristiani e i loro compagni sciiti" venerdì a Bamiyan, città montuosa dell'Afghanistan centrale. Le vittime sono state colpite mentre si trovavano nel bazar di questa città turistica a circa 180 km da Kabul. L'attacco ha preso di mira "un autobus di turisti provenienti dai Paesi della coalizione", ha dichiarato il gruppo jihadista, riferendosi alla coalizione internazionale a guida americana per sconfiggere l'Isis in Iraq e Siria. Questa azione "è in linea con le direttive della leadership" del gruppo "di prendere di mira i cittadini dei Paesi della coalizione ovunque si trovino", prosegue la nota. Questo attacco mortale è apparentemente il primo contro turisti stranieri dal ritorno al potere dei Talebani nell'agosto 2021 in Afghanistan, dove ci sono poche rappresentanze diplomatiche straniere. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano