Harvey Keitel, a 85 anni sono Buddha per Louis Nero

Quando Mr. Wolf si commuove e per Tarantino farebbe tutto

CAGLIARI


(di Francesco Gallo) (ANSA) - CAGLIARI, 22 GIU - Si sa che quando ci si invecchia si diventa più fragili, si dimenticano le cose e ci si commuove spesso, ma quando capita a Mr. Wolf fa davvero impressione e non ti sta bene. È quello che è successo al Filming Sardegna Festival di Tiziana Rocca all'incontro con Harvey Keitel, attore e produttore cinematografico statunitense di 85 anni. Stiamo parlando dell'interprete di Mean Streets di Martin Scorsese, con cui lavorò anche in Taxi Driver e L'ultima tentazione di Cristo, del protagonista anche dell'opera prima di Ridley Scott, I duellanti. E ancora interprete in Thelma & Louise sempre di Scott, Il cattivo tenente di Abel Ferrara, Lezioni di piano di Jane Campion, ma soprattutto de Le iene e Pulp Fiction di Quentin Tarantino. E non finisce qui. Tra i prossimi titoli in uscita dell'attore cult, c'è ora Milarepa di Louis Nero, film ambientato in un mondo dove la natura ha sopraffatto la tecnologia e in cui Keitel interpreta Buddha. "Louis è un regista brillante - dice l'attore tra molte pause e dimenticanze - . Insieme abbiamo parlato del senso della vita e della morte perché questo film affronta la religione buddhista. Nella prima scena incontro una ragazzina di undici anni che si rivolge a me e mi pone una domanda: quali sono i tuoi demoni? E io le dico: sono i pensieri negativi che sono dentro di te che devi imparare a controllare". "Sono stato molto fortunato nella mia carriera perché ho incontrato tanti registi importanti - sottolinea -, ma quello che mi ha capito di più è stato Abel Ferrara (che lo ha diretto nel 1992 ne Il cattivo tenente). Ci siamo incontrati in un momento particolare della mia vita dove dentro di me stavano accadendo cose profonde e lui le ha viste e comprese. Io avevo bisogno di lui e lui di me. Abbiamo lavorato insieme alla sceneggiatura del film, che era stato scritto inizialmente da Zoë Lund, una donna molto bella e intelligente morta troppo giovane per dipendenza da eroina". Nel 1994 è la volta di Pulp Fiction di Tarantino dove Keitel è Mr. Wolf. "Quentin era un giovane regista tanto strano quanto brillante. Me lo ha presentato una collega dell'actor studio. Poi è venuto a chiedermi se volessi fare un film con lui e gli ho dato fiducia. Quando ho letto il copione di Pulp Fiction, mi è sembrato di vedere quello di Lezioni di piano di Jane Campion. Era molto bello, perfetto". Oggi Keitel farebbe un sequel di Pulp Fiction? "Farei tutto con quel ragazzo". (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano