Gaza, due familiari del personale Msf uccisi in raid di Israele

La ong umanitaria: colpito un rifugio vicino Khan Yunis

ROMA


(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Medici senza frontiere (Msf) afferma che due familiari del suo personale sono rimasti uccisi in un bombardamento israeliano che ieri sera ha colpito un rifugio vicino Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. In un post sul suo account X, la ong umanitaria spiega che il raid ha centrato un rifugio situato nel villaggio di Al Mawasi. Oltre alle due vittime, si registrano anche sei feriti. "Siamo inorriditi da ciò che è successo", scrive Msf. Anche la Mezzaluna rossa palestinese ha citato l'accaduto, affermando di aver trasferito i morti e i feriti dell'attacco in un ospedale di Rafah. In precedenza l'agenzia di stampa palestinese Wafa aveva riferito che almeno 14 persone erano morte ieri sera in una serie di bombardamenti israeliani su Khan Yunis e Rafah. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano