verona

Femminicidio di Giulia: Turetta ha incontrato i suoi genitori in carcere

L’incontro è durato circa un’ora. Il 21enne accusato di omicidio ha pianto ringraziando mamma e papà per essere andati a trovarlo



VERONA. Ha abbracciato i suoi genitori Filippo Turetta, incontrandoli, per circa un'ora per la prima volta in carcere dopo l'omicidio di Giulia Cecchetti, e ha pianto ringraziandoli per essere andati a trovarlo. Più volte il 21enne, nel carcere di Verona, aveva chiesto di poterli incontrare. L'incontro era già stato autorizzato per mercoledì scorso dal gip ma era saltato per la necessità di un supporto psicologico per Turetta e i suoi genitori in vista del faccia a faccia. 













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs