Eurostat, calano nuove imprese, Italia -5,2%, più fallimenti

Nel secondo trimestre -2% nell'Eurozona, -1,2% nell'Ue

BRUXELLES


(ANSA) - BRUXELLES, 17 AGO - Le registrazioni di nuove imprese nell'eurozona sono diminuite del 2% nel secondo trimestre del 2022 rispetto al trimestre precedente. Nell'Ue hanno segnato un calo dell'1,2%. La flessione segue una contrazione vista già nel primo trimestre (-2% nell'area euro e -2,3% nell'Ue). In Italia la registrazione di nuove imprese è scesa del 5,2% nel secondo trimestre (-3,5% nel primo). Lo stima l'ufficio statistico dell'Ue, Eurostat. Quanto alle dichiarazioni di fallimento, sono aumentate ancora per il quarto trimestre consecutivo. L'aumento è iniziato nel terzo trimestre 2021, dopo un sensibile calo dell'11% nel secondo trimestre 2021 rispetto al primo trimestre 2021. I dati più recenti mostrano che nel secondo trimestre 2022 le dichiarazioni di fallimento sono aumentate del 2,2% rispetto a il primo trimestre 2022. Il numero di registrazioni di imprese nei primi due trimestri del 2022 resta superiore rispetto al periodo pre-pandemia del 2019. (ANSA).

















Cronaca







Dillo al Trentino