Eruzione in Islanda, rinforzate le barriere a Grindavik evacuata

Si tenta di salvare la strada costiera dalla lava

ROMA


(ANSA) - ROMA, 17 MAR - Le squadre di emergenza islandesi hanno lavorato tutta la notte per rafforzare le barriere difensive intorno alla città di Grindavik, evacuata, mentre la lava della quarta eruzione vulcanica da dicembre - la settima in tre anni - sulla penisola islandese di Reykjanes punta verso il centro abitato. L'ufficio meteorologico islandese (Imo) ha affermato che l'eruzione, avvenuta nella serata di sabato, ha aperto una fessura nella terra lunga quasi 3 km tra due montagne. La lava ha continuato a scorrere principalmente verso sud e sud-est ad una velocità di circa un km all'ora durante la notte e potrebbe presto raggiungere l'oceano, ha affermato l'Imo. Dighe e barriere difensive venivano rafforzate per impedire alla lava di distruggere la strada costiera principale. Domenica a mezzogiorno gli scienziati hanno affermato che i flussi sembravano rallentare leggermente, ma rappresentavano comunque un pericolo per le infrastrutture dentro e intorno a Grindavik. "L'attività sismica è diminuita dall'inizio dell'eruzione", ha detto Pálmi Erlendsson dell'Imo all'emittente RÚV. La centrale elettrica di Svartsengi, che fornisce elettricità e acqua a circa 30.000 persone nella penisola di Reykjanes, è stata evacuata ed è stata gestita a distanza sin dalla prima eruzione nella regione, e attorno sono state costruite dighe per proteggerla. Il sito dell'eruzione si trova poche miglia a nord-est di Grindavik, circa 30 miglia a sud-ovest della capitale islandese, Reykjavik. I 3.800 abitanti della città furono evacuati prima della prima eruzione di dicembre e da allora ne erano tornati appena un centinaio, che hanno lasciato le loro case in nottata. Molte persone sono state evacuate dal vicino centro termale Blue Lagoon, una delle attrazioni turistiche più famose dell'Islanda, ha riferito ancora RÚV. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano