Donna uccisa ad Andria, mortale il colpo al cuore

Eseguita oggi autopsia sul corpo della 42enne

ANDRIA


(ANSA) - ANDRIA, 02 DIC - Sarebbe stata una coltellata al cuore a uccidere Vincenza Angrisano, la donna di 42 anni assassinata ad Andria martedì scorso dal marito reo confesso, Luigi Leonetti. È quanto sarebbe emerso dalla autopsia eseguita nel pomeriggio di oggi nell'istituto di Medicina legale del Policlinico di Bari. Secondo quanto si apprende, la vittima sarebbe stata raggiunta da tre coltellate mentre si trovava sull'uscio della porta del bagno della piccola abitazione che si trova a tre chilometri dal centro abitato della città, e quella mortale sarebbe stata quella che l'ha raggiunta al petto. La 42enne, che si occupava della vendita di prodotti per la casa, sarebbe morta in poco tempo tanto che al suo arrivo, il personale del 118 chiamato dall'uomo, ha solo potuto constatarne il decesso. Ora si attendono gli esami di laboratorio su quanto repertato sul luogo del delitto, tra cui ci sono indumenti e il coltello impugnato dal 51enne che si trova in carcere a Lucera (Foggia) con l'accusa di omicidio volontario con l'aggravante di aver compiuto il fatto ai danni del coniuge. A eseguire gli accertamenti saranno i carabinieri del Ris e della scientifica. La salma intanto è stata riconsegnata alla famiglia e lunedì prossimo saranno celebrati i funerali. (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs