violenza

Dà fuoco al portone della casa dell’ex moglie, 65enne finisce in carcere

L’uomo ha adoperato del liquido infiammabile e una torcia incendiaria. Sequestato un coltello lungo 20 centimetri



CASERTA. Ha dato fuoco con del liquido infiammabile e una torcia incendiaria al portone di casa dell'ex moglie, da cui si è separato nel 2005. È quanto contestato ad un 65enne di San Felice a Cancello, nel Casertano, arrestato dai carabinieri per atti persecutori e incendio.

I militari sono intervenuti su richiesta della vittima, che ha raccontato che l'ex marito non si è mai rassegnato alla separazione e non ha mai accettato che lei continuasse a vivere nella casa coniugale, di cui ha sempre rivendicato la proprietà. Negli ultimi tempi, ha riferito la donna, il 65enne si è fatto più aggressivo, tanto da perseguitarla e renderle la vita impossibile.

Il danneggiamento del portone di casa è solo l'ultimo atto violento commesso dal 65enne, che è finito in carcere; nella sua camera da letto, sul comodino, i carabinieri hanno trovato e sequestrato un coltello dalla lama di 20 centimetri. 













Scuola & Ricerca

In primo piano