Cina a Sunak, 'soltanto calunnie, pregiudizi e interferenze'

Pechino critica giudizi premier Gb sulla fine della 'golden era'

PECHINO


(ANSA) - PECHINO, 29 NOV - La Cina accusa il premier britannico Rishi Sunak di "calunnie" e "pregiudizio ideologico" per aver affermato che la "golden era" dei rapporti con Pechino era finita, lasciando spazio a una "sfida sistemica ai nostri valori" da affrontare con un "robusto pragmatismo" di fronte alla repressione a Hong Kong e alle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang. Le osservazioni della parte britannica "sono piene di pregiudizi ideologici e calunniano in modo maligno le politiche della Cina", ha replicato Pechino in una nota della sua ambasciata a Londra. Per quanto riguarda le politiche su Hong Kong e Xinjiang, "sono affari interni della Cina e la Gran Bretagna non ha alcuna qualifica o diritto per fare commenti irresponsabili". Londra, inoltre, "confonde bianco e nero con secondi fini e dovrebbe riflettere sulla propria mentalità coloniale", quando invece farebbe bene a venire incontro alla Cina per "gestire le divergenze sulla base del rispetto reciproco", mettendo da parte i pregiudizi, rispettando i fatti e "smettendo di calunniare la Cina con le interferenze nei suoi affari interni". Perché si tratta di un approccio che "crea artificialmente ostacoli allo sviluppo delle relazioni". (ANSA).

















Montagna







Dillo al Trentino