Brandizzo: omelia per Aversa, 'morti strazianti e ingiuste'

Don Davide: "si impone l'obbligo assoluto di fare chiarezza"

BRANDIZZO


(ANSA) - BRANDIZZO, 28 SET - "Siamo costernati e affranti di fronte a questa tragedia per cui si impone l'obbligo assoluto di fare chiarezza. È impossibile oggi di fronte al Signore rallegrarci ed esultare, è impossibile per la sua mamma, per tutta la sua famiglia e i suoi amici. Continuiamo a salutare amici e persone care che muoiono sul lavoro, morti strazianti e ingiuste. Dobbiamo ammettere che qualcosa non va e che questo è uno stato di cose che deve essere cambiato con risolutezza". Lo afferma durante l'omelia il parroco di Chivasso (Torino) don Davide Smiderle, per le esequie di Giuseppe Aversa, uno dei cinque operai morti nell'incidente ferroviario di Brandizzo. All'inizio della celebrazione il parroco ha letto in Duomo un messaggio del vescovo di Ivrea (Torino). "Sono lontano ma desidero porgere le mie condoglianze - dice il vescovo - Anche domani ricorderò nella messa il vostro congiunto. Le parole non sono sufficienti di fronte al conforto che si vorrebbe portare". (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano