Bielorussia, sospeso Trattato su forze convenzionali in Europa

Il presidente Lukashenko ha firmato il decreto

ROMA


(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha firmato la legge sulla sospensione del Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa. Il documento - informa l'agenzia Interfax - è stato pubblicato sul Portale giuridico nazionale della Repubblica. Lo scorso aprile, Lukashenko ha accettato di presentare al parlamento il disegno di legge "Sulla sospensione del Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa". Il documento è stato successivamente approvato dal parlamento bielorusso. Nell'agosto 2022 la Repubblica Ceca ha notificato la sospensione degli obblighi derivanti dal trattato nei confronti della Bielorussia. Nel marzo 2023 una decisione simile è stata presa in Polonia. In risposta ai passi ostili della Polonia e della Repubblica Ceca in Bielorussia, nell'ottobre 2023 è stata adottata la legge "Sulla sospensione del Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa in relazione alla Repubblica di Polonia e alla Repubblica Ceca". Nel novembre 2023, il Consiglio Nord Atlantico della NATO ha annunciato l'intenzione degli stati membri dell'alleanza che partecipano al trattato di sospenderne le operazioni. Anche la Federazione Russa è uscita dal Trattato CFE. "La sospensione del trattato da parte degli Stati membri della NATO e dei loro alleati significa in realtà la cessazione del suo funzionamento", ha osservato il servizio stampa dell'amministrazione presidenziale della Bielorussia. Il Trattato CFE era stato ratificato dalla Bielorussia ed era entrato in vigore nel 1992. Prevede limiti sui livelli totali di armi ed equipaggiamenti convenzionali in cinque categorie principali (carri armati, veicoli corazzati da combattimento, artiglieria, elicotteri d'attacco e aerei da combattimento), nonché meccanismi per verificare il rispetto degli obblighi (scambio di informazioni e ispezioni). (ANSA).













Scuola & Ricerca

In primo piano