Scuola

Valditara: "Cellulare sconsigliato dalle materne alle superiori, distrae gli studenti"

Il ministro: nelle Linee guida si parlerà solo dell' uso dalle scuole dell' infanzia alle medie. Tablet? "Bene per uso didattico ma non deve sostituire carta e penna"

ROMA


ROMA. Uso di cellulari e tablet a scuola, il ministro dell'istruzione Giuseppe Valditara è tornato a parlare a Rtl delle Linee guida che saranno varate dal governo. "Per vari motivi un uso didattico del cellulare non è consigliabile da nessuna parte ma le Linee guida parleranno solo del cellulare sconsigliato dalla materna e fino alle medie", ha detto il ministro. 

"Ho annunciato un forte consiglio a non usare dalle scuole dell'infanzia fino alle medie, il cellulare in classe; del tablet non ho mai parlato; ovviamente nelle primarie il tablet non deve sostituire la scrittura con carta e penna e deve essere usato solo per fini didattici".

Per quanto riguarda le scuole superiori, ha detto Valditara, "l'uso del tablet è assolutamente possibile e consigliabile in determinate occasioni. Il problema è il cellulare, che rappresenta uno strumento di forte distrazione. Oggettivamente trovo difficile fare didattica anche alle superiori con un cellulare. Tutte le organizzazioni, anche internazionali, sconsigliano l'uso massiccio del cellulare: influisce sulla capacità di concentrazione". 













Scuola & Ricerca

In primo piano