Elezioni: i seggi sono aperti dalle ore 7

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Hanno aperto regolarmente stamane alle 7 i seggi per le elezioni per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Sempre oggi, in Sicilia si voterà per il rinnovo del Consiglio regionale e l'elezione del governatore. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23. Subito dopo - al termine delle operazioni di voto e di riscontro dei votanti - avrà inizio lo scrutinio, cominciando dallo spoglio delle schede per l'elezione del Senato e poi quelle della Camera. Domani a partire dalle ore 14, si svolgeranno gli scrutini per le elezioni regionali. Per questo turno elettorale le sezioni sono in totale 61.556. Gli elettori chiamati al voto sono 50.869.304, di cui 4.741.790 all'estero (i plichi sono arrivati ai seggi speciali allestiti in diversi centri). Dei 46.127.514 elettori in Italia, il 51,74% sono donne e il restante 48.26% uomini. Del corpo elettorale fanno parte 2.682.094 maggiorenni che per la prima volta, dopo la recente modifica dell'articolo 58 della Costituzione, potranno votare non solo per la Camera dei Deputati, ma anche per eleggere il Senato della Repubblica. Dei giovani elettori le donne sono 1.302.170 e gli uomini 1.379.924. (ANSA).







Gallerie

Marco Cappato riceve l'Ambrogino e lo dedica a Dj Fabo

(ANSA) - MILANO, 07 DIC - Marco Cappato ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, la massima onorificenza concessa dal Comune di Milano, per il suo impegno nell' affermare le libertà civili e i diritti umani. Il tesoriere dell'associazione Luca Coscioni ha voluto dedicare il premio a Dj Fabo, Fabiano Antoniani, che lui stesso ha accompagnato in Svizzera perché potesse morire con il suicidio assistito. Un gesto che Cappato ha poi ripetuto per altre persone malate. Al teatro Dal Verme Cappato è infatti arrivato accompagnato da Carmen la madre di Fabo. "Il premio lo abbiamo già dedicato, a Fabo - ha spiegato ai cronisti - . Ho gratitudine per il premio veramente dal profondo del cuore". Poi sulle polemiche ha commentato. "In passato da consigliere comunale non solo ho sostenuto appelli, ricordo quello per l'Ambrogino a Paola Bonzi. Penso che la città si unisca non nel merito di posizioni, ognuno può avere la sua, ma nel riconoscimento dell'importanza nella società di un problema, quello della sofferenza e della libertà alla fine della vita - ha aggiunto -, e anche del coraggio di affrontarlo che è stato innanzitutto quello di Fabo, della mamma Carmen e della moglie Valeria. Ovvero di affrontarlo alla luce del sole e non nella clandestinità". Non tutti sono d'accordo con l'Ambrogino a Marco Cappato tanto che in teatro c'è stata anche una polemica da parte del consigliere comunale di Milano Popolare, Matteo Forte, che ha lasciato il tavolo della commissione degli Ambrogini, sul palco, appena è stato annunciato il nome di Cappato. Tutto il teatro Dal Verme ha però applaudito a lungo il tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, che ha ricevuto il riconoscimento dalle mani del sindaco Giuseppe Sala. (ANSA). KZA/ (ANSA).

Giustizia: Nordio, opposizione è sale della fertilità

(ANSA) - ROMA, 07 DIC - "Un saluto ai colleghi dell'opposizione. In un paese democratico l'opposizione è il sale della fertilità". Ha esordito così il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, illustrando alla Commissione della Camera le linee programmatiche. "Oggi - ha detto Nordio - avremo la possibilità di un dibattito. Mi rende felice perché il monologo è sempre riduttivo". "Ho visto una enfatizzazione sull'aspetto penale, cui ieri ho dato particolare attenzione, però voglio dire - ha ribadito Nordio - che la prima, la seconda e la terza emergenza sono economiche. Le priorità che il ministero intende dare alla riforma della giustizia riguarda quei settori che dovrebbero avere un impatto sull'economia". "Al netto delle divisioni spero che ci siano riforme sui cui troveremo delle convergenze, perché legate alle emergenze del Paese", ha aggiunto. (ANSA).

Papa, femminicidi nascono da pretesa di possedere l'altro

(ANSA) - ROMA, 07 DIC - "La possessività è nemica del bene e uccide l'affetto: i tanti casi di violenza in ambito domestico, di cui abbiamo purtroppo notizie frequenti, nascono quasi sempre dalla pretesa di possedere l'affetto dell'altro, dalla ricerca di una sicurezza assoluta che uccide la libertà e soffoca la vita, rendendola un inferno. Possiamo amare solo nella libertà, per questo il Signore ci ha creato liberi, liberi anche di dirgli di no". Così il Papa nell'udienza generale. (ANSA).

Conte vede Bonomi,entrambi delusi per assenza di visione

(ANSA) - ROMA, 06 DIC - "Senza forzare la posizione di Confindustria mi sembra di poter dire che condividiamo le valutazioni sulla manovra che accetta una prospettiva recessiva senza misure anticicliche. Siamo molto delusi e condividiamo la gravita' della mancanza investimenti nel sud". Così il leader M5s Giuseppe Conte, al termine dell'incontro con il presidente di Confindustria Carlo Bonomi. (ANSA).

Torino: Extinction Rebellion 'murano' ingresso assessorato

(ANSA) - TORINO, 06 DIC - Un muro di cemento alto due metri è stato costruito questa mattina all'ingresso dell'assessorato all'Ambiente della Regione Piemonte, a Torino, dagli attivisti di Extinction Rebellion. 'Crisi climatica. Chiuso per inadempienza' si legge sui mattoni. Il blitz degli ambientalisti intorno alle otto, in pieno centro, in via Principe Amedeo. Il muro è stato costruito nella notte dagli attivisti vestiti da 'Minions', in segno di protesta con le politiche ambientali della Regione. Gli attivisti si sono poi seduti sul marciapiede ad attendere l'arrivo dei funzionari e delle forze dell'ordine. "La maggioranza che governa la Regione sta raccontando di star facendo tutto il possibile per contrastare la crisi ecoclimatica - spiega Aurora, una delle attiviste sedute accanto al muro - È arrivato il momento che l'assessore Marnati e questo assessorato spieghino ai cittadini come pensano di raggiungere l'unico obiettivo che questo governo si è dato: dimezzare le emissioni sull'intero territorio regionale entro il 2030. Tutto il resto sono solo dichiarazioni vuote, volte a nascondere la propria inadempienza". Gli attivisti si riferiscono alle parole dell'assessore Matteo Marnati che, proprio ieri, aveva parlato di grossi interventi per il 2023. Il commento dell'assessore era arrivato a seguito di un'altra azione avvenuta domenica pomeriggio, in cui due attivisti di Extinction Rebellion avevano colorato di nero le acque delle fontane del Po e della Dora in Piazza Cln, sempre a Torino, per denunciare ancora una volta "la gravissima siccità e l'inadempienza politica regionale". (ANSA).

Corruzione: Nordio, inasprire le pene non serve a nulla

(ANSA) - ROMA, 05 DIC - Contro la corruzione "inasprire le pene e creare nuovi reati non serve a nulla". Lo ha detto il ministro della Giustizia Carlo Nordio intervenendo alla Farnesina all'incontro 'La diplomazia Giuridica al servizio della Pace e della Sicurezza Internazionale: l'impegno dell'Italia nel contrasto alla corruzione', organizzato dal Ministero degli Esteri. Secondo Nordio l'unica soluzione è una "delegificazione rapida e radicale: ridurre le leggi, individuare bene le competenze, semplificare le procedure. Occorre che il cittadino debba bussare a una porta sola e invocare poche leggi chiare". (ANSA).

Pd: Nardella, con Bonaccini perché credo in gioco squadra

(ANSA) - ROMA, 05 DIC - Dario Nardella ha deciso di sostenere Bonaccini nella corsa alla segreteria del Pd "perché credo nel gioco di squadra e nella possibilità di unire le forze per cambiare tutto il gruppo dirigente dalla A alla Z". Lo dice il sindaco di Firenze in un'intervista al Corriere della Sera. "Se metteremo al centro un confronto sui contenuti, costruendo una base comune di valori, evitando uno scontro di potere personalistico - sottolinea - non solo potremo scongiurare la scissione ma volteremo pagina definitivamente rispetto al passato". Il Pd, "pur avendo perso, parte da una base di più di 5 milioni di elettori e soprattutto da una rete di migliaia di amministratori nelle città italiane. Se faremo un congresso vero, di rigenerazione totale, e torneremo tra la gente, potremo essere nuovamente il primo partito italiano già alle prossime Europee". Con Elly Schlein "c'è stima reciproca. Il suo discorso mi è parso comprensibile e moderno, vedremo se oltre a questo sarà in grado di offrire una vera e propria visione politica per la sinistra e per l'Italia". Per Nardella "il nuovo segretario e il nuovo gruppo dirigente devono "essere scelti non in base al genere ma in base alle capacità e alla credibilità. Detto ciò, con Stefano stiamo già lavorando a un comitato promotore con molte donne capaci e giovani". La prima alleanza che dobbiamo fare "è quella con il partito dell'astensione, puntando a coinvolgere una gran parte di quei 17 milioni di italiani che non hanno votato. Dopodiché mi auguro che le opposizioni si possano unire almeno su singole battaglie concrete, come quella per la sanità. Trovo infatti scandaloso - conclude - che la manovra destini a questo settore solo 2 miliardi su 35". (ANSA).

Milano, 500 contro fiaccolata organizzata da estrema destra

(ANSA) - MILANO, 04 DIC - "Milano ama la libertà. Contro ogni guerra e fascismo". E' la scritta sullo striscione in testa al corteo della Rete Antifascista Antirazzista Meticci e Solidale che da poco è partito da Piazza Fontana per concludersi in largo Cairoli a Milano. Alla manifestazione, secondo le stime delle forze dell'ordine, stanno prendendo parte circa 500 persone che hanno raccolto l'appello della Rete per costruire "una piazza antifascista, transfemminista, ecologista, antirazzista, antimilitarista e internazionalista, vicino ai popoli coinvolti" nei molti conflitti "in corso nel mondo - si legge sui social -. Una piazza contro le falsità di chi invece chiede la pace, avallando però un'aggressione militare che fa strage di civili e di chi sogna il ventennio, sostenendo una società omofoba, misogina e razzista". Frase questa che si riferisce all'altra manifestazione in programma oggi in centro a Milano: si tratta della fiaccolata promossa da Lealtà e Azione e alla quale hanno aderito altri gruppi di estrema destra e non vax e no green pass. Sono circa 200 i manifestanti neofascisti che si sono radunati in piazza Cadorna per chiedere di "bloccare l'invio di armi a Kiev, togliere tutte le sanzioni alla Russia e imporci come forza diplomatica di mediazione delle parti", è scritto nella locandina di Uniti contro la guerra, il comitato nato dal basso ma che ha dietro anche nomi come quello dell'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno. Proprio Alemanno ha postato sui social un video in cui molti manifestanti sventolano il tricolore. (ANSA).

Casamicciola: il parroco, Dio si incarna nei soccorritori

(ANSA) - CASAMICCIOLA TERME, 04 DIC - "Dov'è Dio in questo momento? Dio è nelle mani e nei piedi dei volontari, dei vigili del fuoco, dei militari che in questi giorni lavorano per aiutare le vittime della alluvione": sono le parole pronunciate da don Gino Ballirano, parroco della chiesa di Santa Maria Maddalena di Casamicciola, nella zona colpita otto giorni fa dall'alluvione. Don Gino, il 'prete con gli stivali' che dal primo giorno è stato in prima linea accanto agli sfollati ed ai parenti delle vittime, ha dedicato un momento di riflessione e preghiera ai soccorritori ed alle forze dell'ordine da giorni all'opera per trovare i dispersi e rimuovere le tonnellate di fango. "Nelle sofferenze di Gesù sulla croce ci sono le sofferenze di questa Casamicciola sventurata, Dio è sotto il fango e le macerie e condivide con noi il dolore" ha concluso don Gino prima di recarsi nella sua chiesa per celebrare la messa domenicale. (ANSA).

Blitz ambientalisti a Torino su fontane piazza Cln

(ANSA) - TORINO, 04 DIC - Blitz degli ambientalisti di Extinction Rebellion a Torino. Gli attivisti hanno versato del liquido a base di carbone vegetale nelle vasche delle due fontane monumentali di piazza Cln, le cui acque sono diventate nere. "Tra poco - hanno spiegato - queste acque torneranno come prima. Non così i nostri fiumi, che stanno morendo". Le due fontane, realizzate nel 1937 da Umberto Baglioni, rappresentano il Po e la Dora. Secondo gli attivisti "la Regione non sta proteggendo le montagne e le riserve idriche" e "chi ci governa sta continuando, di fronte all'emergenza climatica, a voltare la testa dall'altra parte". (ANSA).









Cronaca









Dillo al Trentino