Sportello per l’export, intesa con le banche

Per il progetto di Trentino Sviluppo nuova collaborazione con Btb, Cassa Centrale e Unicredit

TRENTO. A fine settembre compirà due mesi appena, ma il nuovo Sportello per l’internazionalizzazione operativo presso Trentino Sviluppo cammina già a passo spedito. Oltre 30 accessi, 21 visite in azienda, specifici accordi con Finest e Sace per il supporto sui mercati dell’Est Europa e l’assicurazione del credito, 13 pre-adesioni di imprese locali alla missione commerciale in India di fine novembre. Ed ora una nuova freccia si aggiunge all’arco dello Sportello per l’export: personale qualificato di tre banche territoriali sarà disponibile, per supportare le aziende con pacchetti finanziari e servizi mirati; porte aperte, poi, alle imprese trentine presso le filiali estere degli istituti di credito convenzionati, oltre ad assistenza specifica negli incontri di business e nelle missioni estere coordinate da Trentino Sviluppo. Nuove opportunità per chi guarda al mercato estero, previste da una convenzione siglata ieri, con Banca di Trento e Bolzano – Gruppo Intesa Sanpaolo, Cassa Centrale e UniCredit.

L’accordo è stato sottoscritto da Antonietta Tomasulo, consigliere delegato di Trentino Sviluppo, e dai rappresentanti dei tre istituti di credito: Franco Dall’Armellina, direttore generale di Btb, Giorgio Fracalossi, presidente di Cassa Centrale e Giancarlo Marchisio, dell’Area Manager Trentino Alto Adige di UniCredit. Presente alla firma anche la Provincia, rappresentata dal dirigente per la promozione e l’internazionalizzazione Raffaele Farella, che con gli istituti di credito a fine 2012 aveva siglato un primo accordo quadro.

Un punto informativo e di supporto unitario molto apprezzato dalle imprese trentine, che nei primi due mesi estivi di attività hanno “bussato” per ben 30 volte agli uffici del Polo Tecnologico di Rovereto, oltre a richiedere 21 visite in azienda da parte di personale qualificato di Trentino Sviluppo e Trentino Sprint. Numerosi, inoltre, i contatti telefonici e le mail per la richiesta di contatti ed informazioni.

Sportello che rafforza ora la propria operatività grazie ad una nuova gamma di servizi resi possibili grazie all’accordo siglato oggi con tre banche presenti in modo capillare sul territorio ma al tempo stesso aperte al mondo tramite un network esteso fino ai mercati più lontani.