l’assemblea

Sorrisi alla Cantina Rotaliana di Mezzolombardo: liquidati ai soci 10,5 milioni di euro

La produzione del 2020 è stata pari a 66.800 di quintali. Numerosi i riconoscimenti ricevuti

di Carlo Bridi

MEZZOLOMBARDO. Assemblea sia in ordinaria che in straordinaria dei soci della Cantina Rotaliana di Mezzolombardo. Un’assemblea nella quale tutti i punti all’ordine del giorno sono stati approvati all’unanimità con grande soddisfazione per i risultati da parte dei soci. Nella parte ordinaria il presidente Luigi Roncador ha ricordato gli ottimi risultati del bilancio 2020-2021, che hanno permesso al Cda di proporre all’assemblea dei soci un bilancio che prevede un’ottima liquidazione delle uve conferite nell’anno 2020.

Ciò è dovuto innanzitutto alla valorizzazione del Teroldego Rotaliano, ma anche degli altri vini da parte di Cavit al cui risultato è legato in gran parte alle eccellenti performance di Cavit, al punto che il presidente ha raccomandato ai soci di non illudersi che questi prezzi si possano ripetere, perché sono stati il frutto di una serie di concomitanze positive nell’anno della pandemia ma comunque il riposizionamento di Cavit fa ben sperare anche per quest’anno ha affermato Roncador.

Il liquidato medio è sicuramente fra i migliori del Trentino, ma non si è voluto rivelare da parte dei vertici della Cantina che si sono limitati a dire che supera mediamente del 15% il prezzo liquidato nell’esercizio precedente. Il liquidato complessivo è ai soci stato di circa 10.5 milioni, oltre l’82% del totale del fatturato, dimostrando ancora una volta la capacità di contenimento dei costi di gestione della cantina. Ottima anche la situazione patrimoniale pari a 7 milioni contenuto l’utile d’esercizio, cosa ovvia essendo una società cooperativa pari 39 mila euro.

Complessivamente la produzione del 2020 è stata pari a 66.800 di quintali. Molti i premi ricevuti a riprova dell’alta qualità dei vini di questa cantina, ancora una volta la selezione Clesurae ha ricevuto le 5 StarWines grandi riconoscimenti anche per lo Chardonnay, l’Oscar Berebene qualità –prezzo per il Teroldego Rotaliano Etichetta Rossa e l’oro del Muller Thurgau 2020 al concorso internazionale di Cembra 2021.

Ottimo il mercato anche per il Trento DOC della Cantina, che ha ottenuto una serie di riconoscimenti a livello internazionale, dalla medaglia d’oro per l’Extra Brut al concorso internazionale della rivista di settore inglese Glass of Bubby e argento al concorso internazionale CSWWC curato da Tom Stevenson, una specie di campionato del mondo delle bollicine.

La produzione 2021ha affermato il direttore Leonardo Pilati, è stata ottima ed anche dal punto di vista produttivo quasi pari a quella del 2020, con un calo di solo l’1,79% contro un dato nazionale del 9%.

La parte straordinaria con modifiche allo statuto e al regolamento di conferimento sono state approvate tutte all’unanimità si è trattato di un adeguamento frutto di buon senso e trasparenza, afferma Roncador. Fra le altre cose le zone di provenienza dei soci sono state divise per in modo tale da assicurare almeno un consigliere per ogni zona. Nel corso dell’assemblea è stato rinnovato in parte il CDA, è stato riconfermato per la quinta volta il vice presidente Maurizio Romeri, confermati anche i consiglieri Dario Waldner e Daniele Bebber, mentre Oscar Devigili ha lasciato il posto a Giacomo Tava.