giovani protagonisti

Nicole Weiss, la piccola Heidi della Val di Fassa che vive in montagna con i suoi animali

La 23enne è la titolare dell’azienda di famiglia: oltre ad allevare pecore, vacche, galline e oche manda avanti anche l’agriturismo assieme ai genitori e alla sorella. In cucina la mamma Monica, sorella dello chef stellato Brunel


Carlo Bridi


SAN GIOVANNI DI FASSA. Mentre alla Fondazione Mach prosegue l’attività di formazione dei giovani imprenditori agricoli - questa settimana c’è stata la consegna del diploma di imprenditore agricolo a 58 nuovi giovani imprenditori - e l’inizio del corso per altri 63 ammessi al corso su ben 100 richiedenti, il Trentino prosegue a raccontare le storie che vedono protagonisti giovani agricoltori trentini.

Quella che raccontiamo questa settimana ha dell’incredibile; è la storia di un ragazza di 23 anni, Nicole Weiss, una nuova piccola Heidi della Val di Fassa, che dopo aver frequentato per quattro anni la scuola professionale alla Fondazione Mach, con specializzazione zootecnica, ha coronato il suo sogno: quello di fare l’allevatrice in Val di Fassa. Ma attenzione, l’azienda di famiglia nella quale si è inserita è collocata a 1570 metri, nonostante ciò è diventata un’autentica Arca di Noè con tutte le razze di animali domestici presenti. Dai 24 capi bovini della razza Pezzata Rossa, dei quali 21 in lattazione, alle pecore, alle galline, alle oche, alle quaglie, alle faraone, fino ai maiali allevati durante il periodo primavera - estate. Una delle caratteristiche delle quali siamo fieri, spiegano Nicole, è «che la nostra cucina ha alla base almeno per una buona parte dei piatti i prodotti della nostra azienda, anche gli ortaggi prodotti nella nostra serra. Certo, la stagione è breve, abbiamo già avuta un’abbondante nevicata poi per fortuna la neve si è sciolta cosi le nostre bestie possono ancora uscire».

Alla classica domanda del perché di una vita così dura, puntuale la risposta: «per la passione per gli animali che mi è stata trasmessa fin da piccola da papà Luigi e da mamma Monica. Certo, precisa Nicole, le ragazze in azienda zootecnica sono poche e quando ho cominciato mi guardavano con sospetto, ma mio papà da subito ha voluto valorizzare il mio lavoro e quello di mia sorella costituendo una società agricola semplice della quale siamo soci in quattro: papà, mamma, mia sorella e io che ho assunto il ruolo di legale rappresentante». Nicole è entrata a tempo pieno nell’autunno del 2016 appena terminati gli studi ma di fatto, spiega, «fin da quando avevo 10 anni la mia passione per gli animali mi ha portata a dedicare alla stalla ogni momento libero dalla scuola». Appena insediata ha chiesto ed ottenuto il premio d’insediamento con il quale ha provveduto ad ampliare il rustico.

 

L’azienda.

È organizzata in modo molto intelligente, che punta non tanto sulla quantità ma sulla qualità. Cosi i capi in stalla sono solo 23 dei quali 21 in lattazione, ma si allevano anche molte altre specie di animali da cortile. Gli ettari di prati falciati, fra proprietà ed affitto, sono in totale 23 mentre la malga che si trova vicino casa, ha una superficie di 10 ettari. «La nostra è un’azienda agrituristica con 23 posti letto ed una sala ristorante con una quarantina di posti fra quelli interni e quelli esterni – racconta la giovane - io sono responsabile della sala ristorazione, la mamma è una bravissima cuoca (è la sorella del pluristellato chef Brunel), è responsabile della cucina assieme alla sorella. Svolgiamo di fatto anche una specie di attività didattica, ma per ora non siamo azienda didattica, precisa Weiss». La stalla di una ventina d’anni è a stabulazione fissa e nei progetti di Nicole c’è quello di trasformarla in libera. Il latte per ora è lavorato in conto commissione da un caseificio sociale, ma breve partirà il caseificio aziendale in modo da poter completare tutto il ciclo di produzione trasformazione e vendita diretta. «L’azienda non è certificata biologica solo per ragioni burocratiche ma di fatto siamo bio - precisa Nicole -. Certo, precisa gli impegni in azienda sono tanti e non mi lasciano molto posto per il sociale in compenso faccio qualche bella sciata in inverno e grandi passeggiate sulle nostre montagne l’estate. I miei amici mi guardano sbalorditi ed ammirati della scelta e del grande amore per gli animali». Nicole è felicemente fidanzata con Mattia, un giovane della Badia. Buon lavoro Heidi!

















Cronaca

pagamenti elettronici

Da oggi le multe per chi non accetta il Pos

Dai baristi ai negozianti agli artigiani e professionisti: ecco chi deve consentire di pagare con la carta. Sanzione di 30 euro (+4% della transazione rifiutata). I commercianti: «Per noi costi ancora troppo alti»







Dillo al Trentino