Dillo al Trentino

«Pergine, quel parcheggio sulla statale è pericoloso senza adeguati cartelli segnaletici»

La segnalazione: «Le auto entrano ed escono dopo una curva semi cieca». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



PERGINE VALSUGANA. Quando un locale diventa molto frequentato e quindi di successo, anche il conseguente traffico di auto aumenta a dismisura. Se poi quel locale apre dopo un lungo tempo di chiusura, ecco che gli intoppi al traffico diventano difficili da gestire in una zona che non era più abituata a quel tipo di traffico.

Stiamo parlando della zona adiacente al ristorante Al Faro, situato sul lago di Caldonazzo lungo via Valsugana sulla strada che da Pergine porta verso Levico Terme.

Il ristorante ha un ampio parcheggio proprio nel piazzale adiacente il locale, situato a ridosso di una semicurva della statale 47, e soprattutto quando ci si avvicina all’ora di pranzo o di cena il traffico in quell’area è molto sostenuto tra auto che entrano nel parcheggio, auto che escono, oltre al normale flusso turistico che questo inizio estate ha portato in zona, dopo gli anni del lockdown e della pandemia.

Michele ha inviato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it per segnalare la situazione di pericoloso: basterebbe adottare qualche cartello segnaletico, forse, per mettere un po’ in ordine le cose.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Ma ecco cosa scrive Michele: «Buongiorno, segnalo il fatto che l'ingresso o l'uscita dal parcheggio del ristorante Al Faro sono veramente pericolosi dato che non ci sono corsie di entrata/uscita protette.

Le macchine entrano ed escono dopo una curva semi cieca, provenendo a Pergine.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Il fine settimana con il parcheggio pieno non è infrequente vedere “inchiodate” delle vetture ancora sulla Ss47 che si vedono bloccate all'ingresso.

Mi domando cosa deve succedere perché sia creata una uscita sicura o almeno vengano posti dei cartelli/segnali di attenzione/pericolo prima alcune centinaia di metri prima», conclude Michele.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino