Dillo al Trentino

Parcheggio della stazione di Mezzocorona, problema risolto: i pendolari altoatesini avranno una tessera “trentina”

Il sindaco Mattia Hauser: «Ai pressapochisti che commentavano gli articoli, abbiamo ancora una volta risposto con i fatti». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»



MEZZOCORONA. Il caso del parcheggio per i pendolari alla stazione di Mezzocorona che escludeva i “pendolari altoatesinI” (gli abitanti della Rotaliana che lavorano in Alto Adige) sta per essere risolto.

Dopo le proteste sollevate dai lettori di “Dillo al Trentino” in più occasioni negli ultimi giorni (QUI, QUI e ancora QUI), il sindaco di Mezzocorona Mattia Hauser ha annunciato che l’amministrazione comunale ha lavorato d’intesa con Provincia e Trentino Trasporti affinché possa essere data ai pendolari STA (l’azienda dei trasporti altoatesina che non sembra interessata a far funzionare la sua tessera nel lettore delle tessere che fa entrare nel parcheggio dedicato) una tessera di Trentino Trasporti per poter parcheggiare l’auto senza rischiare di incorrere in una multa.

Ecco quanto scrive il sindaco Hauser: «In riferimento al parcheggio in oggetto, che a partire dalla metà del corrente mese di agosto, è stato in parte regolamentato attraverso il posizionamento di una stanga che consente esclusivamente l’accesso ai possessori di titolo di viaggio della provincia di Trento, grazie all’intervento del Dottor Andreatta, direttore generale del Dipartimento Territorio e Trasporti, ambiente, energia e cooperazione della PAT, si comunica quanto segue:

Considerato che la società STA (Strutture trasporti Alto Adige Spa ) ad oggi, non ha inserito tra le priorità di programmazione l'adeguamento del sistema che consenta agli utenti in possesso di titolo di viaggio della provincia di Bolzano di accedere al parcheggio riservato a utenti TPL, si ritiene che la soluzione più celere per soddisfare l'esigenza dei pendolari del sistema ferroviario condiviso PAT-PAB (cadenzamento comune sulla linea Bolzano- Verona) sia quella di comunicare agli stessi che l'accesso al parcheggio potrà avvenire tramite una tessera smart card nominativa (che sarà rilasciata gratuitamente da parte del Dipartimento Territorio e Trasporti, ambiente, energia e cooperazione della PAT ) e sulla quale l’utente dovrà caricare un minimo importo di credito a scalare (come noto la smart card nominativa può essere caricata di un credito a scalare minimo di 10 euro) perché sia riconosciuta come tessera abilitata alla entrata (il credito ovviamente non andrà a scalare, in quanto l’accesso al parcheggio sarà gratuito).

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

L'utente quindi potrà rivolgersi presso una biglietteria di Trentino trasporti Spa per compilare apposito modulo di richiesta della tessera, che sarà predisposta entro 4/5 giorni, indicando di essere in possesso di abbonamento PAB e di richiedere la tessera per utilizzo del parcheggio di Mezzocorona FS.

Considerato che l’accesso al parcheggio deve essere consentito solo ad utenti del TPL, l’utente dovrà essere sempre in possesso di un abbonamento al trasporto valido. Saranno effettuati controlli a campione su eventuali vetture, verificando se, similmente alla tessera della provincia di Trento, gli utenti siano in possesso di abbonamenti PAB-STA per la Provincia di Bolzano, tramite la collaborazione della società STA.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Nel frattempo, come comunicato nel precedente post, stiamo sollecitando le ferrovie dello stato per arrivare all’affidamento ed alla gestione del parcheggio a sud, lo stesso sarà aperto a tutti gli utilizzatori dei mezzi pubblici, senza delimitazione con stanga.

In questi giorni ho avuto modo di leggere, in particolare a commento ad articoli della stampa locale, sproloqui di pressapochisti subito pronti a dettare rapide e irrealizzabili soluzioni, a puntare il dito e a sputare sentenze, tirando in ballo politica e cattiva amministrazione, abbiamo preferito ancora una volta rispondere con i fatti», conclude con una vena di polemica il sindaco Hauser.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino