Dillo al Trentino

«Mio marito può vedere il figlio appena nato per sole due ore, e per Vasco erano in 120mila senza mascherina»

La segnalazione di una giovane mamma: «Ma dov’è la coerenza ai tempi del Covid?». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



TRENTO. Vasco Rossi e il suo immenso popolo di fan da una parte. una giovane mamma che deve partorire senza avere per troppo tempo l’apporto del compagno.

Sono le due facce di una stessa medaglia di questo periodo, quello in cui il Covid sta allentando la presa ma con numerose restrizioni in campo sanitario, mentre i quasi 120mila della Trentino Music Arena erano lì, tutti assiepati e senza mascherine, per il concerto di Vasco Rossi.

A sollevare il tema è Maria, una giovane donna che nei giorni scorsi è diventata mamma e che ha posto l’accento sulle contraddizioni di un periodo sicuramente particolare come quello che stiamo vivendo.

Maria ha inviato una breve ma appassionata testimonianza a dilloaltrentino@giornaletrentino.it per raccontare la sua esperienza.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Ecco cosa scrive la giovane mamma.

«“Voglio trovare un senso a questa situazione
Anche se questa situazione un senso non ce l'ha”

120mila persone sotto un palco a supportare il grande Vasco Rossi senza mascherine e nessuna precauzione.

Una mamma invece che partorisce non può ricevere nessuna visita e il papà può restare in stanza con lei e il loro bimbo/a solo due ore.

La coerenza dov’è?

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Ormai grazie ai vaccini e al calo dei contagi siamo ritornati ad una vita praticamente normale e a poter fare tutto con le dovute accortezze.

Allora perché non poter far restare il papà in stanza con la propria compagna e il proprio figlio/a il tempo che desidera?

Quindi tutti i bambini/e che nascono hanno meno importanza di un cantante?

E come direbbe Vasco.... Senza parole».

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca

Il caso

L'autista nega la corsa autobus a madre e figlio con cane

G.T. ipovedente di 44 anni e la madre 74enne sono stati lasciati a terra con il piccolo Joker a Levico. «L’autista non ha voluto sentire ragione, nonostante l’ora serale e le mie condizioni. Per lui saremmo potuti tornare a Trento solo lasciando a terra il nostro cane, vi sembra possibile?»


Daniele Peretti






Dillo al Trentino