Dillo al Trentino

«La strada è vietata ai grandi camion ma il divieto non viene rispettato: non ne possiamo più»

Gli abitanti di Mesole di Castelnuovo tornano a scriverci: «Divieti disattesi, e dopo sei mesi non è intervenuto ancora nessuno». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»



CASTELNUOVO. Una strada stretta, strettissima. E una serie di mezzi pesanti che incuranti del divieto di transito per i mezzi superiori alle 24 tonnellate continuano a transitare come se nulla fosse.

A “Dillo al Trentino” ci siamo già occupati del problema della frazione Mesole di Castelnuovo, in Valsugana, i cui abitanti sono sempre più arrabbiati per una situazione che non sembra venir presa in considerazione da chi di dovere.

Ed ecco che i residenti tornano ad alzare la voce con un’altra mail arrivata a dilloaltrentino@giornaletrentino.it in cui manifestano ancora più apertamente il loro disagio.

«Buongiorno, dopo la segnalazione fatta circa sei mesi fa, che ringraziamo di aver pubblicato molto celermente, vogliamo rifarne un'altra visto che il problema non è stato preso in considerazione dalle autorità competenti.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Riassumiamo il problema: siamo sempre quel gruppo di residenti in Località Mesole nel comune di Castelnuovo servito dalla strada comunale dove ad inizio della stessa sono apposti i segnali di divieto al transito ai veicoli con massa superiore a 24 tonnellate.

Ma come già scritto transitano autocarri e autoarticolati che accedono a una zona di lavorazione di inerti con massa che superano di gran lunga il limite previsto.

Transitare su questa strada diventa problematico incrociando questi veicoli che pur avendo la possibilità di usufruire di una pista privata di accesso alla zona di lavorazione preferiscono a volte imboccare la strada comunale.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Strada non adatta a sopportare certi carichi e di conseguenza, a tratti, ridotta a una groviera.

Nella speranza che chi di competenza prenda dei provvedimenti necessari a tutelare sia gli utenti sia il manto stradale. Vi ringraziamo per il servizio che offrite ai cittadini», conclude il gruppo di residenti della località.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

 

















Cronaca







Dillo al Trentino