Dillo al Trentino

«Il pacco postale? Sono andato a ritirarlo lontano da casa ma mi hanno detto che il postino si era sbagliato»

La segnalazione: «Abito a Gardolo, mi hanno fatto mandare in via Trener. Per poi dirmi che la raccomandata era a Gardolo...». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



TRENTO. Sugli avvisi di mancata consegna dei postini trentini abbiamo scritto ormai decine di articoli, qui su “Dillo al Trentino”. Sono sempre più numerose, infatti, le segnalazioni dei nostri lettori che si sono visti recapitare l’avviso nella cassetta postale anche se loro. o qualche familiare, era in casa pronto a ricevere la missiva.

In alcuni casi, i nostri lettori hanno proprio visto i postini inserire l’avviso appena scesi dal loro mezzo senza neppure provare a suonare il campanello.

Ma la nuova segnalazione assume dei contorni ancor più grotteschi: il postino che lascia l’avviso di mancato recapito, ma con l’indicazione sbagliata dell’ufficio.

A raccontare la vicenda è Piergiorgio che ha mandato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it per spiegare nel dettaglio l’accaduto.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Ma ecco cosa scrive Piergiorgio: «Inutilmente ho cercato nel sito internet di Poste italiane la possibilità di inviare un reclamo online; non ci sono riuscito. Pertanto, vorrei informare i lettori su quanto mi è accaduto.

L’altro giorno, mentre non ero in casa, il portalettere ha lasciato un avviso di mancata consegna di una raccomandata a me indirizzata, con l’indicazione che, dopo due giorni, avrei potuto ritirarla nell’ufficio postale di Trento, in via Trener.

Abitando a Gardolo, mi ha un po’ stupito l’indicazione di un ufficio postale più lontano da dove abito, ma alcuni anni fa mi era accaduta la stessa cosa.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Recatomi all’ufficio postale indicato, ho trovato avuto la piacevole sorpresa di trovare un moderno totem, sul quale mi si invitava a far leggere il codice a barre dell’avviso.

Avvicinato il biglietto dell’avviso con il codice a barre, la mia sorpresa è aumentata, ma questa volta in senso negativo: mi è uscito un biglietto che mi comunicava che avrei potuto ritirare la raccomandata all’ufficio postale di Gardolo, a due passi da casa mia.

L’impiegata, dopo una verifica, mi ha confermato che dovevo ritornare a Gardolo; la sua collega ha commentato che doveva trattarsi di un probabile errore del portalettere.

Nota positiva: non ho dovuto fare alcuna coda nell’ufficio di via Trener ed ho fatto abbastanza presto anche nell’ufficio postale di Gardolo, dove ho ricevuto la raccomandata

Ringrazio le Poste che mi hanno spinto a fare alcuni chilometri a piedi, con indubbi vantaggi sulla mia salute. Ma quanto è capitato a me, potrebbe accadere anche a persone anziane o con problemi di salute, con conseguenti difficoltà a muoversi; oppure anche a persone sane, alle quali però un simile inconveniente costituirebbe una spiacevole perdita di tempo», conclude Piergiorgio.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino