Marta Dalla Via è Veneti Fair

Meano. Una giostra di personaggi grotteschi che con lucida follia provano a rispondere ad esplosivi quesiti: il nord è così diverso dal sud? Forse al nord non si evadono le tasse? Forse al nord non...

Meano. Una giostra di personaggi grotteschi che con lucida follia provano a rispondere ad esplosivi quesiti: il nord è così diverso dal sud? Forse al nord non si evadono le tasse? Forse al nord non ci sono “amici” o parenti pronti a dare una spintarella? Forse al nord non si paga il pizzo? Non si lavora in nero? Non ci sono furti o delitti? Un ironico punto di vista sul tema dell’ appartenenza. Questo il cuore di “Veneti Fair” pluripremiato spettacolo di e con Marta Dalla Via che da anni sta riscontrando successo di pubblico e di critica con ben due premi importanti. “Veneti Fair” è infatti spettacolo selezionato al Napoli Fringe Festival 2010 e vincitore del bando Territori Teatrali 2012. L’appuntamento con “Veneti Fair” è questa sera, sabato 17 ottobre, al Teatro di Meano ore 20.45 con ingresso in prevendita info@teatrodimeano.it oppure 0461511332 quest’oggi con orario 10-13. “Veneti Fair” è la storia di un divorzio, del rapporto d’amore-odio che l’attrice Marta Dalla Via ha con il veneto e i suoi abitanti. Miss Polenta, Il Morto di Biancosarti, La Pettegola Bigotta, Il Professore Emigrato e altri faranno da lente di ingrandimento in modo da creare un ironico punto di vista sul tema dell’appartenenza. ovviamente ridendoci su. Marta Dalla Via inizia il suo percorso artistico seguendo il lavoro di Pippo Delbono, Laura Curino, Angela Malfitano, Francesca Mazza, incontrati durante i laboratori organizzati dal CIMES (centro interfacoltà Musica e Spettacolo di Bologna). Si laurea nel 2003 al Dams di Bologna. Scrive e mette in scena “Veneti fair” (2010) con la regia di Angela Malfitano debutto al Napoli Fringe Festival 2010. È tra i sei giovani autori scelti dal drammaturgo Stefano Massini per il percorso “Urgenze” presso lo spazio IDRA (Indipendent Drama) di Brescia, vince con il testo “Interpretazione dei sogni”. Prosegue la sua formazione come attrice/autrice partecipando al progetto “Costruire Cultura” dove incontra e lavora con Babilonia Teatri e Mariagrazia Mandruzzato. Nel 2012 e 2013 è in tour con “Oh Patria Mia” di e con Corrado Augias Grazie al sostegno del Gai (Giovani artisti Italiani) trascorre l’estate 2012 in residenza artistica a Hyrynsalmi – Finlandia dove si dedica alla stesura di nuovi progetti drammaturgici. Nell’estate 2014 è tra i selezionati della Biennale College dove partecipa al seminario di drammaturgia con Mark Ravenhill.K.C.