L’Agosto degasperiano in “lotta contro il tempo” 

Presentata la quinta edizione. Tredici gli appuntamenti in programma, si parte il 26 luglio In arrivo anche Pino Petruzzelli, Ferruccio De Bortoli, Nicola Gratteri. Si chiude con Cristicchi

di maddalena di tolla deflorian

TRENTO. Della nostra “Lotta contro il tempo”, titolo della serie di eventi, tratta la prossima edizione dell’Agosto degasperiano. La quinta edizione è stata presentata dal direttore della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, Marco Odorizzi, affiancato dall’amministratore delegato dell’ Apt d’ambito, quella di Valsugana-Lagorai, Stefano Ravelli, ieri mattina nella sede della Fondazione a Trento. Si inizia il 26 luglio. Tredici appuntamenti si susseguiranno in diverse località della Valsugana fino al 31 agosto.

In calendario troviamo incontri con testimoni, pièce teatrali e concerti, tutti a ingresso libero. Odorizzi ha spiegato che ispirazione e simbolo del pensiero dietro alla programmazione di quest’anno è, come sempre, una frase di Alcide Degasperi, pronunciata dallo statista trentino e Strasburgo nel 1951. La citiamo “Ognuno di noi ha nel suo Paese problemi che lo incalzano da tutti i lati… ma ciascuno di noi sente che questa è l’occasione che passa e che non tornerà più. Bisogna afferrarla e inserirla nella logica della storia”.

Odorizzi ha ricordato come la manifestazione si sia allargata di anno in anno, arrivando a far collaborare oltre trenta partner territoriali e raggiungendo molti luoghi della valle. Lo scorso anno si era toccato il traguardo dei cinquemila spettatori, con un piccolo budget di quasi 40.000 euro, ma i numeri non sono l’obiettivo di crescita per la Fondazione, che – secondo le parole del suo direttore – non vuole snaturare la qualità delle proprie proposte. L’obiettivo resta offrire spunti di riflessione e lettura del contemporaneo in un quadro europeo, arricchendo culturalmente un territorio periferico come il Tesino e la Valsugana tutta.

Venerdì 26 luglio, a Levico Terme, si apre. Il sociologo Stefano Allievi e la cantautrice Erica Boschiero proporranno la lezione-concerto “Spaesati. Del migrare e di migranti”, per raccontare le migrazioni del passato e del presente come fenomeno di lungo periodo. Il 30 luglio, al Forte delle Benne, Carlo Gabardini, scrittore e speaker radiofonico, sarà sul palco con “Churchill, il vizio della democrazia”: racconto di un padre dell’Europa unita. Il 2 agosto a Bieno l’astrofisico Amedeo Balbi ne “L’ultimo orizzonte”, porrà domande come: l’universo è davvero infinito? lo spazio e il tempo hanno avuto un inizio e avranno una fine? Lella Costa sarà sabato 3 agosto a Borgo Valsugana in dialogo senza tempo con la figura di Edith Stein, filosofa e patrona d’Europa. “Elogio della modernità”, il 6 agosto a Castel Ivano, porterà lo storico e critico d’arte Flavio Caroli sulle tracce degli artisti che decisero di farsi profeti del futuro. Il 9 agosto a Castello Tesino, l’appuntamento è con Pino Petruzzelli, con lo spettacolo “Io sono il mio lavoro. Storie di uomini e di vini”: tributo all’eroismo quotidiano e al valore del lavoro.

Il 13 agosto a Civezzano, ospite d’eccezione sarà il procuratore del Tribunale di Catanzaro, Nicola Gratteri, magistrato in prima linea contro la ‘ndrangheta. Il 20 agosto a Caldonazzo il giornalista Ferruccio de Bortoli dialogherà sul rapporto tra tempo e informazione. Il 21 agosto al Castello di Pergine, interverrà il botanico, paesaggista , scrittore Antonio Perazzi, sul rapporto “leale” tra uomo e natura. Il 27 agosto a Telve, si parlerà di “Previsione. Il tempo anticipato”: con Chiara Valerio, matematica e scrittrice. Il 29 agosto, ad Arte Sella, arriverà Luigi d’Elia con lo spettacolo teatrale “Cammelli a Barbiana. Don Lorenzo Milani e la sua scuola”. Si chiude il 31 agosto, al Giardino d’Europa di Pieve Tesino, con il concerto di Simone Cristicchi.

La Lectio degasperiana di domenica 18 agosto, alla sedicesima edizione, grazie alla partecipazione dell’attore Andrea Castelli, racconterà “L’autobiografia di una nazione nelle lettere di De Gasperi”.