festa “sotto voce”

Capodanno senza feste di piazza? Trento propone Elio al Sociale e musica diffusa fino a tardi in centro città

Venerdì 31 dicembre alle 21.30 al Sociale, Capodanno tra musica e narrazione con Elio in “Ci vuole orecchio”. Elio canta e recita Enzo Jannacci”

TRENTO. Annullate per disposizioni ministeriali le feste di piazza, chiuse le discoteche e vietati gli assembramenti e le manifestazioni, proibiti i fuochi artificiali e tutte le attrazioni che caratterizzavano la fine dell’anno, come ha detto il sindaco Franco Ianeselli, “non essendoci il coprifuoco la gente può tranquillamente andare in giro anche se non troverà ovviamente concerti o intrattenimenti. Quindi al ristorante sì, nei locali pure senza limiti di orario ma con obbligo di green pass rafforzato, mascherina e tutte le misure previste dalle norme che saranno in vigore almeno sino alla fine di gennaio 2022. Per chi vorrà transitare da piazza Duomo - ha concluso il sindaco - troverà ad attenderlo dal tardo pomeriggio il gioco di luci che è già attivo ma che per l’occasione verrà potenziato, unitamente alla musica di sottofondo che diffusa per le strade e la piazza, contribuirà in parte a far scemare un po’ il senso di vuoto lasciato dall’assenza di esibizioni che hanno sempre contraddistinto la notte di San Silvestro”.

Per chi invece desidera attendere il nuovo anno all’insegna dell’allegria e della musica dal vivo, venerdì 31 dicembre il teatro Sociale di Trento ospiterà un grande appuntamento: “Ci vuole orecchio. Elio canta e recita Enzo Jannacci”, spettacolo di musica e narrazione dedicato all’indimenticato cantautore milanese, con Elio e cinque musicisti, per la regia di Giorgio Gallione e con gli arrangiamenti musicali di Paolo Silvestri. Lo spettacolo è inserito all’interno degli Eventi Speciali organizzati dal Centro Servizi Culturali S. Chiara.

Un Buster Keaton della canzone, nato dalle parti di Lambrate, che verrà rivisitato, reinterpretato e “ricantato” da Elio. Sul palco, nella coloratissima scenografia disegnata da Giorgio Gallione, sarà possibile trovare assieme a Elio cinque musicisti, i suoi stravaganti compagni di viaggio, che formeranno un’insolita e bizzarra carovana sonora: Seby Burgio al pianoforte, Martino Malacrida alla batteria, Pietro Martinelli al basso e contrabbasso, Sophia Tomelleri al sassofono, Giulio Tullio al trombone. A loro toccherà il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile, arricchito da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali, di “schizzo” Jannacci. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda.

Biglietti e modalità di ingresso

Biglietti acquistabili alla biglietteria del teatro Auditorium (dalle 10-13, 15-19), alle Casse Rurali ed online su www.primiallaprima.it. In ottemperanza al Decreto-Legge, fino al 15 gennaio, per accedere a tutte le attività spettacolari e museali organizzate all’interno degli spazi in gestione dell’Ente è obbligatorio essere muniti del Green Pass rafforzato. La richiesta di certificazione verde non verrà applicata ai minori di 12 anni o agli esenti dalla campagna vaccinale. Per i bambini da 0 a 6 anni l’ingresso è consentito senza mascherina, dai 6 ai 12 anni è necessaria solamente la mascherina, mentre dai 12 anni in su è obbligatorio esibire Green pass rafforzato e indossare la mascherina chirurgica (o superiore). Non sono ammesse le mascherine di comunità. La certificazione verrà controllata dal personale addetto al momento dell’ingresso. In caso di indisponibilità del Green pass rafforzato non sarà possibile accedere agli spazi. C.L.