Dillo al Trentino

Un altro caso di booster “fantasma”: vaccino fatto a Merano, ma non riconosciuto (finora) in Trentino

La segnalazione: «Mi avevano detto che non c’erano problemi, ma il certificato di avvenuta vaccinazione non si scarica e in un mese dall’Asl ho ricevuto solo una risposta automatica». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 

TRENTO. Sono giorni convulsi, questi di inizio gennaio 2022 per il Covid. L’impennata di casi dovuti alla variante Omicron sta creando inevitabili disagi lungo tutta la “filiera sanitaria” legata alla pandemia.

Dalle segnalazioni delle positività, all’esito dei tamponi, fino alla vaccinazione i problemi sono numerosi.

L’Azienda sanitaria, dal canto suo, chiede pazienza e cerca di lavorare al massimo delle sue capacità, ampliando i servizi dove necessario come nel caso del Cup per le prenotazioni telefoniche.

Un nuovo fronte di “limbo” sembra essere quello delle vaccinazioni “booster” effettuate da trentini che lavorano in Alto Adige.

Dopo il caso di Sergio che ha raccontato la sua odissea tra Bolzano e Trento, ecco Walter che spiega a “Dillo al Trentino” i suoi problemi con la terza dose a Merano e la sua situazione di “fantasma” da oltre un mese.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Walter ha inviato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it per raccontare la sua storia.

«Buonasera, vi scrivo dopo avere letto il caso del signor Sergio e volevo segnalare che mi trovo nella stessa situazione dal 10 dicembre.

Per ragioni di lavoro mi trovo spesso in Alto Adige e così avevo telefonato all’Azienda sanitaria altoatesina per sapere se potevo fare per comodità la terza dose “booster” in Alto Adige.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Mi avevano detto che non c’era alcun problema e quindi mi sono recato a fare la vaccinazione nell’hub di Merano.

Da quel giorno non ho più saputo nulla, e il Green pass è in scadenza.

Dopo numerosi tentativi di scaricare l'Authcode dal sito che mi è stato indicato, ho telefonato all’Azienda sanitaria di Trento e mi hanno detto di mandare una segnalazione via web nell’apposita pagina del sito Apss.

Cosa che ho fatto, ma da allora oltre una risposta automatica che mi è arrivata subito non ho più sentito nessuno.

Ora sono in attesa, ma il tempo passa e quel silenzio mi preoccupa sempre di più», conclude Walter.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.