Dillo al Trentino

Trento, dal torrente spunta... un motorino

La segnalazione: «Nel rio Valnigra a Villazzano c’è un vecchio mezzo a due ruote». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook



TRENTO. Il problema dei rifiuti abbandonati coinvolge (a volte) ogni angolo del nostro territorio, soprattutto le zone più anguste dove gli operatori ecologici e gli addetti alla raccolta non transitano abitualmente.

È il caso dell’argine del fiume Adige a Trento (ne abbiamo parlato QUI grazie ad un’altra segnalazione) dove cartacce, bottiglie di plastica e tante altre tipologie di piccoli rifiuti fanno la loro comparsa di tanto in tanto.

Ma nel rio Valnigra si è superato ogni record. Perché non parliamo di una bottiglia, di un cartone e neppure di una vecchia gomma abbandonata, bensì di un motorino. Già, proprio così: un motorino.

Come sia finito laggiù è un vero e proprio mistero. Una bravata notturna di un gruppo di ragazzini? Il tentativo di liberarsi di un vecchio mezzo senza passare per la rottamazione? Una manovra sbagliata fortunatamente senza rischi per chi era alla guida?

La segnalazione di Alessia, con tanto di fotografia, non può certo risolvere questo piccolo giallo.

Il Comune di Trento si dice pronto ad intervenire per risolvere la questione: «Siamo a conoscenza del problema e siamo in contatto con ditte private per l'affidamento dell'incarico di rimozione del mezzo», fanno sapere.

Chissà se nel momento del recupero del motorino si riuscirà anche a risalire al proprietario e a fare luce su quanto accaduto.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino