in consiglio provinciale 

Stop a «genitore 1» e «genitore 2» 

Approvata la mozione per evitare l’uso da parte delle scuole



TRENTO. Come avvenuto in altre parti d'Italia, escludere anche in Trentino le definizioni 'genitore 1' e 'genitore 2', al posto di mamma e papà, dai moduli scolastici, così come tutte le diciture che prevedano l'utilizzo dei numeri per indicare gli esercenti la potestà parentale. La proposta di modifica è contenuta in una mozione della Civica Trentina e votata con 25 sì e un’astensione ieri mattina dal consiglio provinciale.

Il documento impegna la giunta ad attivarsi in modo che nella modulistica delle scuole trentine e dei servizi forniti dalla Provincia non siano utilizzati questo tipo di termini per definire i genitori. Il caso aveva suscitato dibattito dopo che questa dizione era stata adottata da una dirigente scolastica di un istituto trentino senza fini ideologici ma semplicemente giuridici. In base a questa dichiarazione il proponente ha scelto di presentare la mozione affinché, appunto, si eviti l’uso dei numeri per indicare i genitori. Il parere della giunta è stato favorevole e il proponente ha ringraziato la giunta di aver cambiato opinione.



















Cronaca

l'operazione

L'auto caduta nel burrone e il complicato recupero dei vigili del fuoco

Nelle foto dei Vigili del fuoco di Auna di Sotto l'intervento con l'ausilio di un autogru per recuperare la macchina che in un incidente lo scorso 28 maggio era uscita di strada a Laste Basse, all'altezza dell'11° tornante, scivolando a valle per circa 100 metri e ribaltandosi più volte.







Dillo al Trentino