VEZZANO

Ora il pane in Valle dei Laghi si produce con cereali a km0

VEZZANO. Un foltissimo pubblico ha partecipato, sabato, nel foyer del teatro Valle dei Laghi di Vezzano all’incontro su i “Cereali della Valle dei Laghi” proposto dalla Comunità della Valle dei Laghi....

di Enzo Zambaldi

VEZZANO. Un foltissimo pubblico ha partecipato, sabato, nel foyer del teatro Valle dei Laghi di Vezzano all’incontro su i “Cereali della Valle dei Laghi” proposto dalla Comunità della Valle dei Laghi. A tre anni dall’inizio del progetto di reintroduzione dei cereali non più coltivati in valle: frumento, segale, farro è stato fatto un bilancio su questa rilevante iniziativa.

Il presidente della Comunità Luca Sommadossi ha ricordato «l’obiettivo di recuperare in particolare la coltivazione del frumento, per ricavarne farina e pane a km0 della Valle dei Laghi». La farina è stata trasformata in pane dal panificio Tecchiolli e in parte commercializzata dal gruppo di acquisto solidale (Gas). Alla serata erano presenti anche i produttori di olio dell’associazione Amici dell’ulivo estremo Valle dei Laghi e del birrificio artigianale Rethia di Vezzano, che hanno fatto assaggiare i loro prodotti, affiancati da pani e grissini del panificio Tecchiolli realizzati con il grano della Valle dei Laghi.

Marino Gobber di Fondazione Mach ha illustrato il progetto evidenziando «l’entusiasmo dei produttori nel recupero della coltivazione del frumento, l’alta qualità dello stesso e del pane, apprezzato dai consumatori. In valle la coltivazione dei cereali non era stata completamente abbandonata: esisteva ancora una mietilegatrice e una trebbiatrice. Nel 2012 sono stati prodotti 15 quintali di frumento da 2 agricoltori, nel 2013, 35 quintali (17 produttori) con circa 3 ettari coltivati. L’annata 2014, a causa del clima bagnato di luglio, ha richiesto l’essicazione del frumento. La qualità della farina è caratterizzata dall’assenza di microtossine e dalla buona qualità panificatoria. Aldo Tecchiolli ha rimarcato “la positività dell’esperienza panificatoria, il pane ha un’alta tipicità e qualità, l’acquisto di un mulino, da parte del panificio Tecchiolli, per assicurare una macinazione che conservi le peculiarità del frumento della vallata».

Due produttori hanno acquistato una mietitrebbiatrice in grado di assicurare la trebbiatura del loro prodotto e quello degli altri coltivatori. Per il prossimo anno si potrà contare su 24 produttori e su circa 14 ettari di terreno coltivato a frumento. Altro aspetto di rilievo della serata è stata la raccolta di adesioni al progetto “Cereali della Valle dei Laghi” con l’obiettivo di creare un’associazione specifica che unisca i produttori di cereali della vallata.