Movida, dissuasore sonoro in S.Maria

Il dispositivo (bandito dall’Europa) collocato sul portale della chiesa. I giovani lo contestano anche su Facebook


di Luca Marognoli


TRENTO. Pochi lo vedono, tutti - anche se con fastidio diverso a seconda dell’età - lo sentono. E molti alzano i tacchi per allontanarsi, tenendo le mani premute sulle orecchie. Il sibilo deterrente del “Mosquito” installato proprio in cima al portale di Santa Maria Maggiore sembra avere fatto il suo dovere. L’apparecchio, che in mezza Europa si è guadagnato l’appellativo di “scaccia-giovani”, è dunque comparso anche a Trento, in uno dei centri pulsanti della “movida”.

Da un paio di settimane è stata aperta anche una pagina Facebook - “Gli ultrasuoni in S.Maria Maggiore” - che ha già raccolto 74 “mi piace” tra i ragazzi. I quali sembrano apprezzare anche l’ironia caustica dei post pubblicati, come: “Beati coloro che hanno più di 24 anni, perché non udiranno i 17 kHz e potranno di conseguenza venire a comunicarsi" Matteo 5:2-5”.

Il segnale acustico infatti è “udibile da quasi tutti gli under 20 e appena distinguibile da chi ha più di 25 anni”: lo dichiara l'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europea, che nel giugno 2010 ha emesso una “raccomandazione” a proibire la vendita e l’uso del dispositivo per “disperdere i giovani”. Nel documento si afferma che il segnale acustico è “estremamente irritante e spesso anche doloroso per la maggioranza dei minori”, costringendoli rapidamente a lasciare la zona.

Anche ieri sera il dissuasore era in funzione. Attorno alle 19.30, stando sul piazzale antistante la chiesa, si udiva distintamente un “bip” intermittente, accompagnato da un fischio appena percepibile (alle nostre orecchie). Nei pressi del portale di Santa Maria Maggiore stazionavano una cinquantina di persone, alcune in piedi, altre sedute per terra, altre ancora appoggiate alla facciata della chiesa. Ma molte di più erano quelle concentrate nella vicina via San Giovanni. Alcuni operatori commerciali della zona confermano che negli ultimi giorni i giovani “aficionados” degli happy hour si sono spostati in massa verso il bar Picaro per sfuggire al dissuasore. Un quarantenne racconta di persone molto infastidite, la settimana scorsa, all’uscita dalla chiesa dopo un concerto di musica sacra. Mentre Mattia Rampanelli, seduto sul selciato con due amiche, scuote la testa: «Ci sono varie cose che il pubblico e il privato assieme possono fare per rendere più vivibile la città. Come collocare dei bagni chimici fuori dai bar: anche a me non piace vedere persone che urinano per strada. Ma usare gli ultrasuoni per allontanare le persone, come animali, mi sembra pazzesco. Finora non c’è stata la volontà di trovare soluzioni sul tema della movida. A Padova l’estate mettono degli stand lungo il fiume: il Comune incassa soldi e la gente non viene disturbata. Perché non farlo anche qui lungo l’Adige?».

















Cronaca

Il caso

L'autista nega la corsa autobus a madre e figlio con cane

G.T. ipovedente di 44 anni e la madre 74enne sono stati lasciati a terra con il piccolo Joker a Levico. «L’autista non ha voluto sentire ragione, nonostante l’ora serale e le mie condizioni. Per lui saremmo potuti tornare a Trento solo lasciando a terra il nostro cane, vi sembra possibile?»


Daniele Peretti






Dillo al Trentino