Ingarda, braccio di ferro fra Arco e Riva

L’arcense Benedetti se la vedrà con l’ex sindaco rivano Bertolini. Ieri Mosaner ha riunito i colleghi

RIVA. Si avvicina il momento del rinnovo dei vertici di Garda Trentino spa (l’ex Ingarda) oggi guidata dal presidente Marco Benedetti. Alcuni sindaci dei Comuni dell’ambito, ieri mattina, si sono riuniti in municipio a Riva per cominciare a discutere in vista dell’assemblea dei soci dell’Apt del 22 maggio anche a fronte della novità che vedrà il nuovo cda ridotto a 9 membri con 3 poltrone riservate a rappresentanti del pubblico e 6 alle categorie di settore.

Il gruppo di lavoro è composto dal sindaco di Riva Adalberto Mosaner, che ieri ha fatto il padrone di casa, e dai colleghi di Arco Alessandro Betta, Dro Vittorio Fravezzi e Nago Torbole Gianni Morandi, insieme ai rappresentanti delle categorie Claudio Miorelli per Confcommercio ed Elisa Ressegotti per il ricettivo. Il gruppo di lavoro sta delineando la riscrittura del patto al fine di facilitare il compito dell’assemblea.

Ieri in municipio a Riva si è svolto il terzo incontro della commissione che segue quello avvenuto nei mesi precedenti con il presidente di Garda Trentino Marco Benedetti e con l’assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola oltre che con alcuni membri dell’attuale cda. I lavori sono prossimi alla conclusione.

Intanto resta alta l’attesa per la presidenza dove i giochi non sono ancora chiusi con la sfida a due tra lo stesso Benedetti e Alberto Bertolini, ex vice sindaco di Riva. (l.o)