sagron mis

Ecco la prima casa sugli alberi 30 mq con tutti i confort

SAGRON MIS. Il piccolo Comune di Sagron Mis avrà a fine autunno la prima casa sugli alberi del Trentino. Il progetto è stato presentato ieri nei pressi della Baita Sagron Mis Dolomiti, presenti,...



SAGRON MIS. Il piccolo Comune di Sagron Mis avrà a fine autunno la prima casa sugli alberi del Trentino. Il progetto è stato presentato ieri nei pressi della Baita Sagron Mis Dolomiti, presenti, oltre ai progettisti architetti Nicola Chiavarelli e Pietro Pitteri, il presidente degli artigiani trentini Roberto De Laurentis, il dirigente del servizio turistico della Provincia, Romano Stanchina, la presidente dell’Apt Paola Toffol, artigiani e costruttori locali. A fare i padroni di casa il sindaco Luca Gadenz e il gestore della Baita, Luca Contarin, a cui come committente si deve la promozione dell’opera.

Si tratta della prima delle 3 case sugli alberi che sorgeranno proprio nei pressi della Baita, nel rispetto di tutte le caratteristiche previste dalla norma e dal regolamento dell’apposita legge provinciale. La casa sull’albero avrà struttura statica autonoma, verrà coibentata e riscaldata con un innovativo sistema radiante; è su unico livello a più di 2 metri da terra, con spazio libero sottostante; è realizzata con elementi costruttivi modulari e viene proposta con struttura portante in acciaio Corten e lignea nella parte sospesa. L’accesso viene garantito attraverso una scala con pontile dalle misure adeguate alla facilità di transito. La casa è costituita da una camera matrimoniale, con lettino aggiunto e un bagno privato completo di sanitari e vasca idromassaggio/doccia a vapore. La superficie complessiva è di 30 metri quadri (il bagno ha una superficie superiore ai 3 mq). Inoltre ha un terrazzino 7,5 mq e una altezza media interna maggiore di 2,20 m. Ha un rapporto illuminotecnico ampiamente superiore al minimo previsto, basandosi sulla luce e sulla vista quale elemento precipuo della sua destinazione d’uso e della sua visione e connessione con l’esterno boscato. Inoltre verrà dotata di impianto ricambio aria e smaltimento dei reflui del bagno.

Da tutto questo si può capire che è una vera e propria casa, munita di tutti i confort che una famiglia può chiedere. Un vero gioiello architettonico progettato dalla studio “MetroQuadro” di Fiera di Primiero e costruita da un equipe di artigiani e costruttori locali.

















Cronaca







Dillo al Trentino