collegamenti

“Treno dell'Avisio”: Provincia e Rfi ci credono

La Giunta approva lo schema di convenzione per lo studio di fattibilità tecnico economica con Rete Ferroviaria Italiana: attenzione alle istanze dei territori per un collegamento strategico su mobilità e turismo sostenibile



TRENTO. La fattibilità tecnico economica di un nuovo collegamento ferroviario tra Trento e Canazei, il cosiddetto "Treno dell'Avisio" sarà al centro dello studio che verrà svolto da Rfi (Rete ferroviaria italiana) in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento. Lo prevede - informa una nota - lo schema di convenzione approvato dalla Giunta provinciale in vista della successiva firma delle parti. La decisione dell'esecutivo provinciale ha preso avvio con le proposte emerse dai territori, per iniziare dall'associazione Transdolomites.

"Anche con questa nuova intesa l'esecutivo si dimostra attento alle istanze del territorio, predisponendo l'avvio alla fase di valutazione e approfondimento tecnico circa la possibilità di realizzare un'opera che ha potenzialità di carattere strategico e potrebbe portare benefici in diversi ambiti", ha affermato il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti.

La collaborazione con Rfi risponde all'impegno assunto dalla Giunta con l'ordine del giorno approvato dal consiglio provinciale nel 2021, circa la valutazione della fattibilità tecnico economica dell'opera. Nello specifico, l'incarico prevede la predisposizione di un documento di fattibilità per il collegamento ferroviario che unisca il capoluogo provinciale con le valli di Cembra, Fiemme e Fassa, con l'individuazione del tracciato più idoneo e la definizione delle politiche trasportistiche e del modello di esercizio, assieme alle linee guida progettuali e all'impegno economico.













Scuola & Ricerca

In primo piano

Sanità

Torna l'open day per le vaccinazioni contro l'encefalite da zecca

Porte aperte nei centri sanitari provinciali di Cles e Tione, giovedì 20, e in quelli di arco, Cavalese, Pergine, Rovereto e Trento, venerdì 21. Richiesta la prenotazione dalle 14 alle 16, nella fascia successiva - fino alle 19 - accesso libero
 Su prenotazione dalle 14 alle 16, accesso libero dalle 16 alle 18
IL PERICOLO Col caldo sono tornate le zecche, ecco come difendersi
PREVENZIONE Anche per i nostri amici a quattro zampe