Libera Accademia di Belle Arti 

“Targa giovani” al Compasso d’Oro

Rovereto. Un grande riconoscimento per un’ importante realtà del nostro territorio: la libera accademia di belle arti trentino riceve la menzione d'onore “targa giovani” del xxvi premio compasso d'oro...



Rovereto. Un grande riconoscimento per un’ importante realtà del nostro territorio: la libera accademia di belle arti trentino riceve la menzione d'onore “targa giovani” del xxvi premio compasso d'oro adi. premiato a milano “ray”, il progetto di tesi triennale in design delle studentesse chiara bonadiman e lorenza di gioia (coordinate dalla professoressa jasmina kaluderovic), per l'edizione 2020 del prestigioso concorso, seguita in diretta streaming dalla sede roveretana dell'istituto. “ray” è un dispositivo di supporto medico per il monitoraggio del movimento della colonna vertebrale e per la riabilitazione posturale. in poche parole il dispositivo sarà in grado di “educare” chi lo indossa a mantenere una postura più corretta durante tutta la giornata, compresi i momenti dedicati agli esercizi fisici suggeriti da uno specialista tramite la relativa applicazione per smartphone. un successo importante dunque per le giovani studentesse e per tutta la laba, che potrà quindi esporre in vetrina la “targa giovani” del compasso d'oro, il più antico premio internazionale nel campo del design (nonché uno dei più autorevoli), assegnato ogni due anni da una commissione di esperti, designer, critici, storici e giornalisti specializzati. «ci tengo ad esprimere i più vivi e sentiti complimenti a chiara bonadiman, lorenza di gioia ed alla loro coordinatrice, la professoressa kaluderovic, per questo importante traguardo – ha dichiarato dalia macii, neo-coordinatrice didattica della sede trentina dell'accademia – non poteva esserci modo migliore per riprendere con entusiasmo ed energia questo nuovo anno accademico ormai alle porte».

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino