Studente a casa per l’allarme della app Immuni

Rovereto. Il ragazzo sta benissimo, ma quando ieri mattina si è presentato all’ingresso di un istituto superiore di Rovereto per il controllo della temperatura, ha avvertito immediatamente che la app...

Rovereto. Il ragazzo sta benissimo, ma quando ieri mattina si è presentato all’ingresso di un istituto superiore di Rovereto per il controllo della temperatura, ha avvertito immediatamente che la app “Immuni” gli segnalava di essere stato a contatto nei giorni scorsi con una persona risultata poi positiva al Covid. «Abbiamo seguito la procedura - spiega il dirigente dell’istituto - che prevede che in questi casi il ragazzo sia rimandato a casa. Sarà poi lui stesso a contattare il proprio medico, il quale valuterà se sia necessario il tampone o un periodo di quarantena. In casi come questo non è previsto che si prendano misure per l’intera classe del ragazzo o per gli insegnanti con cui è stato in contatto nei giorni scorsi». Quindi l’attività scolastica è proseguita normalmente per tutti gli altri. È il primo caso, a che ci risulti, di allarme legato all’utilizzo della app “Immuni”, ancora troppo poco diffusa.