Difensore civico a Valduga «Risponda in tempi brevi»  

Arriva l’ennesimo richiamo all’amministrazione comunale: i cittadini attendono Più Democrazia aveva chiesto gli atti per i lavori di riqualificazione di viale Trento  


di Giancarlo Rudari


ROVERETO. La sintesi la fa Alex Marini di “Più democrazia in Trentino”: «Valduga agisce come Luigi XIV, il re di Francia celebre per la sua frase “lo Stato sono io!” Il sindaco è esattamente così perché non rispetta lo statuto nel momento in cui vengono coinvolti i cittadini nelle scelte della città...» Che l’amministrazione comunale (e il sindaco Valduga in particolare visto che è a lui che si rivolge il Difensore civico) non presti grande attenzione alle sollecitazioni dei cittadini lo testimoniano le ripetute lettere di richiamo proprio dell’ufficio del Difensore civico in tema di trasparenza e accesso agli atti. Ultimo argomento della “disfida” (dopo la questione del centro tennis di via Lungoleno o dei parcheggi per disabili) riguarda la “mancata attuazione dello statuto per la progettazione di viale Trento”. L’ultima lettera partita da Trento a firma dell’avvocato Daniela Longo il 6 marzo scorso riguarda l’accesso civico generalizzato, un atto a firma di Alex Marini dopo i tentativi (a vuoto) di ottenere la documentazione richiesta. Ma non solo non è arrivata una risposta a “Più democrazia in Trentino”, ma anche al Difensore civico costretto a scrivere il 19 gennaio scorso al Comune: «Si ritiene di dover chiedere nuovamente indicazioni in ordine all’istanza circa la questione (mancata attuazione statuto - lavori viale Trento)... già prospettata con l’intervento del 9 settembre scorso... e successivamente sollecitata. Confidando in una finalmente sollecita risposta....» Daniela Longo saluta. Nell’ottobre 2017, con una lettera siglata congiuntamente dai rappresentanti dell’associazione Più Democrazia in Trentino e dalla referente del comitato Salviamo gli alberi di viale di Trento, veniva segnalata al Difensore civico la mancata attuazione delle disposizioni dello statuto comunale e del regolamento sulle circoscrizioni di Rovereto per quanto riguarda l’iter di trattazione delle decisioni prese dalle assemblee circoscrizionali. Daniela Filbier, Alex Marini e Ornella Guerra avevano fatto un resoconto sull’esito dell’assemblea del 5 settembre 2017 e sull’assenza di provvedimenti amministrativi dopo le proposte approvate dai cittadini con regolare voto per alzata di mano. «Come da consuetudine, Valduga non si è degnato di rispondere alle comunicazioni del Difensore civico - afferma Marini - L’amministrazione comunale non si è limitata a fare orecchie da mercante alle sollecitazioni da Trento civico ma ha provveduto ad approvare due delibere senza tenere in conto l’esito dell’assemblea circoscrizionale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

















Cronaca

le foto

Francesco, l'abbraccio dopo una notte trascorsa da solo nel bosco a nove anni

Francesco, visibilmente spaventato per la notte trascorsa in mezzo al bosco, è stato avvicinato con molta cautela dai tre soccorritori dell'elicottero Drago 149 dei Vigili del fuoco di Venezia. "Andiamo a fare un giro in elicottero?" gli ha chiesto uno dei tre. Il bambino ha accettato subito, vincendo le paure. E' stato imbragato e insieme ad un vigile del fuoco che lo ha abbracciato con il verricello è stato portato in volo sino al campo base, dove lo aspettavano i genitori. (foto vigili del fuoco)

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino