L’INIZIATIVA

Raccolta di fondi per allevare le caprette di Agitu

Promossa da alcuni amici dell’imprenditrice etiope uccisa a Frassilongo: “La sua sapienza nell'arte casearia deve trovare nuovi eredi”.



TRENTO. Una raccolta fondi è stata promossa perché gli animali di Agitu Gudeta, l'imprenditrice uccisa a Frassilongo, non siano abbandonati e la sua attività possa proseguire.

“Per onorare la memoria di questa imprenditrice fiera e coraggiosa, per coltivare i suoi progetti, coloro che hanno voluto bene ad Agitu promuovono una raccolta fondi”, si legge su gofundme.com. “Il suo gregge di capre non deve essere smantellato, le terre che lei aveva affittato non devono tornare ad essere abbandonate. La sua sapienza nell'arte casearia deve trovare nuovi eredi. A giorni nasceranno i capretti che Agitu allevava con tanta passione. Queste nuove vite chiedono cure e attenzioni, quelle che Agitu non può più dare. Inoltre, i fondi verranno utilizzati per aiutare la famiglia a far fronte alle spese del trasferimento della salma in Etiopia”.

La raccolta è promossa da Zebenay Jabe Daka. A pubblicizzarla sulla sua pagina Facebook anche il sindaco di Trento, Franco Ianeselli.

Le capre felici – Raccolta fondi per far vivere il sogno di Agitu Agitu Ideo Gudeta aveva un sogno. Un sogno umile...

Pubblicato da Franco Ianeselli su Venerdì 1 gennaio 2021

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino