SICUREZZA

Protezione civile, la centrale 112 del Trentino compie due anni

Dal 10 giugno per gli autisti di Trentino Trasporti la possibilità di contattare in un attimo la Centrale in caso di gravi situazioni di pericolo

TRENTO. In questi giorni ricorrono i due anni di servizio della Centrale unica di risposta CUR NUE112 della Provincia Autonoma di Trento, che ha iniziato la sua attività il 6 giugno 2017. Mentre nel primo anno di attività sono state gestite 211.547 chiamate, nel secondo anno erano 215.918, si legge in una nota della Provincia che annuncia varie novità.

A partire da lunedì 10 giugno sarà operativo infatti un sistema evoluto a disposizione degli autisti di Trentino Trasporti per contattare la Centrale in caso di gravi situazioni di pericolo.

Per luglio sarà attivo un servizio rivolto ai cittadini non udenti che permetterà loro di interagire con gli operatori della centrale. In autunno si attiverà un sistema per la localizzazione avanzata di tutti coloro che comporranno i numeri di emergenza da uno smartphone.

Per quanto riguarda l'analisi dell'attività, i dati statistici dimostrano un miglioramento delle performance totali, i tempi di attesa per il chiamante si sono ridotti nel secondo anno di oltre un secondo attestandosi su una media inferiore ai 3,6 secondi. Questo significa che gli operatori della CUR NUE112 di Trento in meno di un minuto gestiscono le chiamate dei cittadini che compongono i numeri di emergenza, ovvero identificano e localizzano il chiamante, classificano la tipologia di emergenza e trasferiscono la chiamata alla centrale di secondo livello competente. In media sono quasi 600 le chiamate gestite ogni giorno dalla Centrale unica di risposta CUR NUE112, con il picco massimo raggiunto durante l'emergenza maltempo dello scorso autunno, con un totale di chiamate giunte alla Centrale superiore alle 6000 nella giornata del 29 ottobre 2018, conclude la Provincia.