Quaere, ecco i cartelli di divieto a fasce orarie

Levico terme. Sono stati installati i cartelli promessi dal sindaco, Gianni Beretta, nel corso della partecipatissima assemblea della consulta di Quaere del 22 novembre scorso. Il divieto di accesso...

Levico terme. Sono stati installati i cartelli promessi dal sindaco, Gianni Beretta, nel corso della partecipatissima assemblea della consulta di Quaere del 22 novembre scorso. Il divieto di accesso ai mezzi superiori alle 7,5 tonnellate durante la fascia oraria che va dalle 18 alle 6 del mattino validi per tutto l’abitato della frazione, rappresentano una prima misura approntata dall’amministrazione comunale, tendente a limitare il traffico dei mezzi pesanti che avrà un risvolto immediato sulla qualità dell’ambiente, soprattutto rispetto all’inquinamento acustico, ma anche con qualche punto in più inerente alla sicurezza stradale.

Un traffico veicolare, da attribuire soprattutto all’attività della cava Corona e di Edilpavimentazioni, stimato da una recente analisi degli uffici provinciali, in circa 4.360 veicoli carichi/anno, massimo, circa 30 passaggi al giorno. Una valutazione messa in questione e aumentata da una recente interrogazione del consigliere provinciale Filippo Degasperi che sottolinea come in realtà, «la somma delle lavorazioni in determinati periodi dell’anno (primavera ed estate in particolare) provoca anche centinaia di passaggi giornalieri, come anche segnalato dalla popolazione».

I cartelli di divieto vanno ora a sottolineare quanto già la determina 387 del Servizio valutazioni e autorizzazioni ambientali del 5 giugno scorso, e in vigore da quella data, correlata a una nuova autorizzazione territoriale rilasciata a Edilpavimentazioni per limitare l’attività di frantoi e tramogge, ovviamente serviti a inizio e termine di ogni ciclo da mezzi pesanti che devono circolare su strada, la quale prescrive che «ogni impianto potrà funzionare solo nel periodo diurno», cioè, dalle 6 alle 22, ma nella relazione acustica presentata da Edilpavimentazioni il 27 febbraio, è riportato che l’impianto «è in funzione generalmente dal lunedì al venerdì nell’orario 6 - 12, 13 – 17». Sembrerebbero dunque questi ultimi gli orari a cui la ditta si dovrebbe attenere per l’utilizzo dei propri impianti. F.Z.