Fratelli Corrà, 170 anni in un’etichetta digitale

Smarano. Due fratelli e un cugino sono la quarta generazione dello storico salumificio creato dal trisnonno nel 1850. Parliamo della macelleria Corrà di Smarano, dove Luca e Pio Corrà ancora oggi con...



Smarano. Due fratelli e un cugino sono la quarta generazione dello storico salumificio creato dal trisnonno nel 1850. Parliamo della macelleria Corrà di Smarano, dove Luca e Pio Corrà ancora oggi con il cugino Federico, grazie ad un antico diario tramandato di padre in figlio, continuano a produrre salumi tipici di montagna seguendo le segrete ricette di famiglia imparate dal padre (e rispettivamente zio) Giacomo. Radici ultrasecolari come documenta il diploma esposto nell’ampio negozio che si affaccia lungo la strada della Predaia. Dall’anno scorso Fratelli Corrà è anche presente sull’e-commerce, una decisione che si è rivelata vincente anche per gestire la recente emergenza sanitaria. Ora un altro passo verso il futuro con l’adozione delle soluzioni blockchain della startup svizzera Genuine Way, per garantire la tracciabilità e l’autenticità della filiera produttiva: «È stato il momento giusto per mandare un segnale forte ai nostri clienti, investendo in una tecnologia che ci permettesse di aggiungere valore alla nostra relazione con loro, aspetto cui teniamo in modo particolare - continua Federico Corrà -. Genuine Way ci ha fornito una piattaforma pronta all’uso che certifica, grazie alla tecnologia blockchain, in modo oggettivo e immutabile le informazioni che diamo al consumatore finale sulla provenienza dei nostri prodotti». «Il nostro percorso con Genuine Way - aggiunge Federico - è appena iniziato: dopo un periodo di formazione e consulenza, abbiamo coinvolto, per il momento, due dei nostri articoli, il Wurstel Naturale Frankfurter Valdivù e la Mortandela affumicata della Val di Non, per esaltare la naturalità del primo, che è l’unico prodotto senza additivi o conservanti, e la tipicità della seconda, che si produce solo in questo territorio. Il consumatore, con una semplice scansione da smartphone, può accedere all’etichetta digitale, con tutte le informazioni sul prodotto, oltre a interagire direttamente con noi: è come se avessimo aperto una nuova porta di accesso ai nostri clienti. La piattaforma di Genuine Way è facile e intuitiva da utilizzare e, cosa importante, è scalabile nel senso che nel tempo potremo arricchirla con ulteriori informazioni. Grazie alla riconversione del business e puntando sull’e-commerce non abbiamo subito eccessivi contraccolpi dalla serrata a livello nazionale. Abbiamo implementato l’utilizzo di strumenti digitali e gestito spedizioni in tutta Italia».

Oggi nello stabilimento di Fratelli Corrà si continuano a produrre oltre 40 tipi di salumi. «Non vogliamo perdere la memoria delle nostre tradizioni di famiglia, tanto che non abbiamo specializzato la nostra produzione a scapito della varietà. Continuiamo a produrre più tipologie di salumi - continua il marketing manager dell'azienda-. Rispettare il passato non preclude però di guardare al futuro, scegliendo gli strumenti che la tecnologia oggi mette a disposizione, per offrire un servizio migliore e far conoscere le qualità dei nostri prodotti, in Italia e nel mondo».

Oggi l’azienda è presente sul territorio con due punti vendita diretta al pubblico, uno a Smarano, dove tutto è iniziato, e l’altro a Moena. Il principale canale di distribuzione resta però l’ingrosso, con una rete di gastronomie e macellerie, dislocate in tutta Italia, cui si affianca il canale horeca. All’estero Fratelli Corrà sta consolidando interessanti scambi con l’Europa dell’Est, in particolare Romania, Russia e Repubbliche Baltiche, oltre a Regno Unito, Francia e Spagna. G.E.



















Cronaca

Il caso

L'autista nega la corsa autobus a madre e figlio con cane

G.T. ipovedente di 44 anni e la madre 74enne sono stati lasciati a terra con il piccolo Joker a Levico. «L’autista non ha voluto sentire ragione, nonostante l’ora serale e le mie condizioni. Per lui saremmo potuti tornare a Trento solo lasciando a terra il nostro cane, vi sembra possibile?»


Daniele Peretti






Dillo al Trentino