cultura

Musei e castelli, torna l’ingresso gratis in Trentino la prima domenica del mese

Dal 2 ottobre al 5 marzo 2023 ecco le iniziative: dal Muse al Mart, ai siti archeologici



TRENTO. Tornano gli ingressi gratuiti nei musei e nei castelli provinciali ogni prima domenica del mese.

A partire dal 2 ottobre, e fino al 5 marzo 2023, sono tante le iniziative sul territorio: a Trento si possono visitare Muse, Buonconsiglio, Palazzo delle Albere, Galleria Civica, Museo Caproni e S.A.S.S., lo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, sotto piazza Cesare Battisti. A Rovereto vi sono Mart e Casa Depero; a San Michele all'Adige il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina. A Fiavé il Parco Archeo Natura e il Museo delle Palafitte. Accesso libero anche a Castel Beseno, Castel Thun e Castel Stenico.
"Ritorna l'iniziativa promossa dal Ministero, al quale la Provincia ha sempre aderito e che riscuote un elevato gradimento nel pubblico, come testimoniano i tanti 'sold out' dei nostri musei trentini - commenta l'assessore alla cultura Mirko Bisesti -. Il 2 ottobre, il 6 novembre, il 4 dicembre, il primo giorno del 2023, il 5 febbraio e il 5 marzo la cultura in Trentino sarà gratuita e l'invito quindi a tutti è di cogliere questa occasione per visitare i nostri musei, i castelli e i siti archeologici del nostro bellissimo territorio".

SITI ARCHEOLOGICI
Ingresso gratuito domenica 2 ottobre nei musei curati dalla Soprintendenza per i beni culturali. Il Museo Retico - Centro per l’archeologia e la storia antica della Val di Non, a Sanzeno, sarà aperto dalle ore 14 alle 18, mentre il Parco Archeo Natura e il Museo delle Palafitte di Fiavé saranno visitabili dalle ore 13 alle 18. Il Museo e il Parco ospitano inoltre la ”Festa dei nonni al villaggio palafitticolo” proponendo un doppio appuntamento dedicato ai più piccoli e ai loro nonni e nonne: alle ore 10.30 “Un giorno in palafitta”, una visita partecipata alla scoperta della vita quotidiana nei villaggi preistorici di Fiavé e alle ore 14.30 “Sulle tracce della strega casara”, un’attività per conoscere metodi e strumenti usati nell’antichità per la produzione di latticini. 
Ingresso gratuito anche al S.A.S.S. Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, a Trento sotto piazza Cesare Battisti, dove tra le vestigia dell'antica Tridentum è visitabile la mostra "Ostriche e vino. In cucina con gli antichi romani" con orario 9-13 e 14-17.30.

CASTELLI PROVINCIALI
Domenica 2 ottobre si potrà entrare gratuitamente al Castello del Buonconsiglio, a Castel Thun, Castel Caldes, Castel Beseno e a Castel Stenico. Al Castello del Buonconsiglio si potranno visitare le collezioni museali ma anche la mostra “I colori della Serenissima. Pittura veneta del Settecento in Trentino”, inoltre alle ore 17 è in programma lo spettacolo teatrale Venezia millenaria (ingresso 5 euro); a Castel Thun si potrà ammirare la mostra "Un bacio tra due mondi", mentre a Castel Caldes la mostra fotografica "Vivere in Alto", infine e a Castel Stenico la mostra sui capolavori grafici di Rembrandt.


Come gli altri musei e castelli provinciali, anche il Museo dell'aeronautica Gianni Caproni partecipa all'iniziativa Domenica al museo proponendo l'ingresso gratuito. Oltre alla rinnovata esposizione permanente dedicata alla storia dell'aeronautica italiana, è possibile visitare la mostra Dalle ali alle ruote. Il Capriolo: epopea di una moto trentina (1951-1962), la cui apertura è stata prorogata fino al 31 gennaio 2023.
Il Museo è aperto dalle 10.00 alle 18.00.


Anche il MUSE - Museo delle Scienze aderisce all'iniziativa delle prime domeniche del mese gratuite.
Ultimi giorni (fino al 9 ottobre) per visitare la mostra "L'ombra dell'unicorno", dedicata a "Toby", il grande rinoceronte bianco che ha vissuto al Parco Natura Viva di Bussolengo, e al fragile mondo di questi splendidi mammiferi. Tempo, invece, fino all'8 gennaio 2023 per entrare nelle grotte dipinte di Lascaux con la realtà virtuale di "Lascaux Experience. La grotta dei racconti perduti", l'occasione per esplorare uno dei siti paleolitici più affascinanti al mondo con l’aiuto della realtà virtuale.
Tra le novità, anche l'apertura del nuovo biotopo MUSE, realizzato tra la serra tropicale e via Sanseverino, scrigno di biodiversità cittadina che verrà inaugurato il 30 settembre alle 17.30.

Il Mart di Rovereto, la Casa d’Arte Futurista Depero, la Galleria Civica di Trento e il Palazzo delle Albere aprono gratuitamente le loro porte in occasione delle prime domeniche del mese. Prima della pandemia il Mart aveva abituato i suoi pubblici a festeggiare la prima domenica del mese con dei veri e propri "Open Day": alla gratuità si aggiungevano piccoli momenti di festa e approfondimenti culturali, iniziativa che riprenderà con il 2 ottobre.
La domenica gratuita di ottobre sarà anche un’occasione speciale per visitare le mostre recentemente prorogate a Rovereto: Giuliano Vangi. Colloquio con l'antico. Pisano, Donatello, Michelangelo, fino al 1° novembre; La forza del vero. I Pittori moderni della realtà, fino al 23 ottobre; Julius Evola: Lo spirituale nell’arte la nuova mostra, fino al 16 ottobre. A Trento: Banksy L’artista del presente, fino al 1° novembre, Palazzo delle Albere; Eccentrici, Apocalittici, Pop. Inferno e delizia nell’arte contemporanea, fino al 16 ottobre alla Galleria Civica.
Infine, è sempre possibile visitare il percorso dedicato alle Collezioni del Mart e la Casa d’Arte Futurista Depero.

















Cronaca







Dillo al Trentino