IL LUTTO

Morto l'ex portiere Gunther Mair

Era ricoverato in rianimazione a Trento dopo essere stato punto dalle vespe durante un'escursione nei boschi di Piné. IL VIDEO: La mitica parata che portò il Trento in C1

TRENTO. Non ce l'ha fatta. E' morto nel reparto di rianimazione del Santa Chiara Gunther Mair, 61enne di origini meranesi a Trento ormai da decenni, un pezzo (importante) di storia del calcio di casa nostra, portiere fra i più forti negli annali regionali.

La "mitica" parata di Gunther Mair che portò il Trento in C1

Era il 16 giugno 1985 e si giocava lo spareggio di Mantova con l'Ospitaletto. Il Trento ottenne la promozione con un rigore decisivo di Lomanno, dopo la grande prova di Mair. L'ex portiere di origini meranesi è scomparso oggi, 10 agosto, dopo che venerdì pomeriggio era stato punto dalle vespe durante un'escursione a Piné (video d'archivio)

Mair, venerdì pomeriggio, è stato punto dalle vespe durante un'escursione, assieme alla sua famiglia, nei boschi di Piné. Ciò che ai più provoca molto fastidio, tutt'al più un gran dolore, all'ex calciatore ha comportato uno shock anafilattico con la conseguenza, terribile, di un arresto cardiocircolatorio.

Soccorso dai sanitari e dal medico rianimatore, arrivati il più velocemente possibile con l'elicottero di Trentino Emergenza, è stato quindi portato al Santa Chiara e ricoverato nel reparto di rianimazione. In base agli elementi raccolti Mair avrebbe messo inavvertitamente un piede su in nido di vespe e due di queste lo hanno punto provocando lo shock anafilattico e l'arresto cardio circolatorio.